Search  
  Riduci
Positive in Better!
Stampa  

Info Lavoro - IPSOA

Precoci, istanze entro il 1° marzo


Per l’Ape sociale ai care givers basta il «primo» verbale


Più facile richiedere la Naspi


Lavoratori precoci: entro l’1 marzo le istanze di riconoscimento dei requisiti
L’INPS, con la circolare n. 33 del 2018, fornisce alcuni chiarimenti e istruzioni applicative per la presentazione delle istanze di riconoscimento per la fruizione del pensionamento anticipato da parte dei lavoratori precoci. Le domande possono essere presentate entro il prossimo 1 marzo.

Ape sociale: come verificare i nuovi requisiti?
Nella circolare n. 34 del 2018, l’INPS specifica alcuni elementi utili alla verifica della sussistenza dei requisiti per l’accesso all’Ape Sociale e chiarisce le modalità e i termini di presentazione delle istanze. Le domande potranno essere presentate entro il 31 marzo, 15 luglio e 30 novembre 2018.

Bonus assunzioni: un palliativo per rilanciare l’occupazione. Serve altro …
Coordinare in modo più efficace la formazione con percorsi di carriera e con l’aggiornamento costante delle competenze in base alle richieste del mondo delle imprese: è questo ciò serve realmente per far decollare l’occupazione e che consentirebbe di costruire un ponte tra le esigenze di mercato, la scuola, le persone. E’, però, evidente che questo non può avvenire soltanto attraverso l'incentivazione delle assunzioni dei giovani e neppure attraverso un processo di riforma legislativa o una Manovra finanziaria, come la legge di Bilancio 2018, che non riconosce il giusto ruolo dell’apprendistato e poco fa per i caregivers. Perché allora non cambiare rotta?

Smart working: perché conviene ad imprese e lavoratori
Il lavoratore che svolge la sua prestazione in modalità agile consente all’impresa di ridurre i costi di affitti, utenze e attrezzature, in quanto lo spazio necessario per l’organico si riduce in proporzione all’intensità e alla frequenza con cui la prestazione lavorativa si svolge in modalità agile. Ma questo è solo uno dei tre buoni motivi che potrebbero spingere imprese e lavoratori a stipulare accordi di smart working. Quali sono gli altri? Il tema è stato trattato nel corso del Forum TuttoLavoro 2018.

Contratti di prossimità: erogazioni al lavoratore sempre tassabili se sostitutive del reddito
Le erogazioni connesse ai contratti collettivi di prossimità sono imponibili in tutti i casi in cui l’indennizzo o il risarcimento ristori un lucro cessante del lavoratore, quale, ad esempio, la diminuzione del salario. La tassazione, difatti, può essere esclusa solo nelle ipotesi di risarcimento per danno emergente, ossia di mera reintegrazione patrimoniale. E’ quanto ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 16/E/2018, evidenziando che, a prescindere dal nomen iuris attribuito dal contratto di prossimità, gli emolumenti hanno la finalità di ristorare il lavoratore e sono, di conseguenza, sostitutivi del reddito.

Unione mondiale liberi professionisti: Gaetano Stella nominato vicepresidente
E’ stato nominato vicepresidente dell’Unione mondiale dei liberi professionisti Gaetano Stella, presidente di Confprofessioni: nel comunicato stampa tutte gli obiettivi in programma e grande soddisfazione per il riconoscimento istituzionale.

Pubblici esercizi, ristorazione e turismo: siglato il nuovo CCNL
Fipe, Angem (Associazione nazionale delle aziende della ristorazione collettiva e servizi vari), Legacoop Produzione e servizi, Federlavoro e Servizi Confcooperative, Agci Servizi con Filcamsc-Cgil con Filcams Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil hanno siglato il CCNL per i dipendenti da aziende dei settori pubblici esercizi, ristorazione collettiva e commerciale e turismo. Previsti, in particolare, 5 tranche di aumenti retributivi.

Agenzie marittime ed aeree: rettifiche al CCNL sui minimi tabellari
Federagenti, Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti hanno modificato le decorrenze dei minimi retributivi del CCNL per i dipendenti dalle agenzie marittime raccomandatarie, agenzie aeree e mediatori marittimi.

Coltivatori, sgravio su misura


Per la Ue lecito licenziare le lavoratrici in gravidanza


PEPP: verso un mercato unico delle forme di previdenza UE
L’obiettivo che la Commissione UE si pone con il nuovo prodotto pensionistico individuale paneuropeo - PEPP è creare e sviluppare un mercato unico delle forme di terzo pilastro, con risvolti positivi in termini di accrescimento delle risorse finanziarie a supporto degli investimenti in attività produttive e infrastrutture. Bruxelles vuole introdurre un nuovo strumento regolato dalla disciplina europea che affianchi le forme già esistenti e rappresenti la soluzione più efficiente per la costituzione del mercato unico. Diversamente, l’armonizzazione dei sistemi nazionali renderebbe più complesso il raggiungimento di tale obiettivo. Quali sono le caratteristiche del PEPP?

Smart working: il lavoro del futuro che apre degli interrogativi …
E’ sicuramente il lavoro del futuro, almeno per i settori ove può essere applicato. Lo smart working o lavoro agile mostra negli ultimi anni un andamento in continua crescita. A determinarne il successo, la trasformazione in atto dell’assetto economico e sociale e dei modelli organizzativi del lavoro che porta ad una ridefinizione dei confini (labili) tra lavoro autonomo e subordinato, per consentirne un adattamento alle mutate caratteristiche delle fattispecie concrete. L’estrema flessibilità attraverso la quale si realizza il lavoro agile pone, però, non pochi interrogativi. Il tema è stato trattato nel corso del Forum TuttoLavoro 2018.

Privacy 4.0 al via, tra vecchi e nuovi adempimenti per aziende e professionisti
Con il Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati (GDPR) si delinea un nuovo quadro di adempimenti per aziende e professionisti, più adatto ad un’era in cui il dato personale digitale viaggia oltre i confini territoriali e, con estrema facilità, sulle piattaforme di social network e nel cloud. Molti adempimenti non sono nuovi, ma “ereditati” dal Codice Privacy. E’ il caso, ad esempio, dell’informativa e del consenso. Rivoluzionato invece il sistema delle misure di sicurezza ed introdotto, infine, una nuova e importante figura aziendale: il Data Protection Officer (DPO). Con quali funzioni?

Dati occupazionali anno 2017: più assunzioni e meno cessazioni dei rapporti di lavoro
L’INPS, con un comunicato stampa, ha pubblicato sul proprio sito istituzionale i dati sul precariato con riferimento all’intero anno 2017. Stando ai numeri registrati dall’Osservatorio sul precariato, le assunzioni sono in crescita, specie per quel che riguarda i contratti a termine, mentre rimangono stabili le cessazioni di rapporti a tempo indeterminato. Continua il boom di lavoro a chiamata e somministrato.

Risarcimento danni: solo in caso di mancata conversione del contratto a tempo determinato in indeterminato
L’interruzione di un rapporto lavorativo, quale naturale conseguenza della tipologia di contratto a tempo determinato, non può essere equiparato alla mancata conversione e non costituisce presupposto per il risarcimento del danno; alla pari non giustifica alcun ristoro a favore del dipendente, anche se il datore di lavoro ne ha fatto un uso non corretto. Ciò in quanto la cessazione dell’impiego prevista dalla particolare tipologia contrattuale, non è classificata dalla legge come un pregiudizio risarcibile. A precisarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza. 4358, depositata il 22 febbraio 2018.

Licenziamento collettivo anche per le lavoratrici gestanti, ma a determinate condizioni
La corte di Giustizia UE con sentenza del 22 febbraio 2018, nella causa C‑103-16, ha stabilito che il datore di lavoro può licenziare una lavoratrice gestante a causa di un licenziamento collettivo ma deve indicarle per iscritto i criteri oggettivi adottati per designare i lavoratori da licenziare. Inoltre ha stabilito che deve essere vietato, in linea di principio, il licenziamento di una lavoratrice gestante, puerpera o in periodo di allattamento, a titolo preventivo, e che gli Stati membri hanno la facoltà di garantire una protezione più elevata alle lavoratrici gestanti, puerpere o in periodo di allattamento.

Sgravio giovani agricoltori: ripresentabili le istanze rifiutate per de minimis
L’INPS, con la circolare n.32 del 2018, spiega in dettaglio come effettuare il controllo del rispetto del limite de minimis nel caso dei giovani imprenditori agricoli che presentano istanza di sgravio contributivo. Disponibili anche due nuovi moduli da utilizzare per le comunicazioni riguardanti gli aiuti di stato.

TFR e crediti di lavoro aggiornati a gennaio 2018
Con riferimento al mese di gennaio 2018 è pari a 0,421736 il coefficiente di rivalutazione delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate. A seguito del comunicato Istat del 22 febbraio 2018, che ha stabilito in 101,5 l'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) (senza tabacchi), sono stati rielaborati i coefficienti validi per il mese di gennaio 2018 del trattamento di fine rapporto e dei crediti di lavoro.

Cumulo con validazione dati online


La Cigs riparte dal 2018


La reperibilità è lavoro


Contributi volontari, spesa minima di 3.445 euro


Rifiuti un lavoro? Niente Naspi


Premio alla nascita: dall’INPS il facsimile per il riesame delle domande respinte
Anche le cittadine straniere senza permesso di lungo soggiorno possono accedere al premio per la nascita di 800 euro. Dietrofront dell’INPS s seguito dell’ordinanza del Tribunale di Milano, che ha dichiarato discriminatoria la condotta dell’Istituto che aveva limitato l’accesso al beneficio economico solo ad alcune “categorie” di donne straniere. Con il messaggio n. 661/2018 l’INPS, ottemperando all’ordinanza, ha fornito il facsimile per la richiesta di riesame delle domande respinte e ha implementato la procedura di presentazione telematica delle domande. Da chi possono essere presentate? E con quali modalità?

Attrezzature di lavoro pericolose: corsi di aggiornamento per i lavoratori abilitati
Il 12 marzo 2018 scade il termine per effettuare l’aggiornamento formativo quinquennale per i lavoratori abilitati all’uso delle attrezzature di lavoro “pericolose”, indicate nell’Accordo 22 febbraio 2012. In particolare, dovranno frequentare i moduli di aggiornamento i lavoratori che, alla data 12 marzo 2013, avevano già partecipato ad un corso di formazione composto di modulo teorico, di modulo pratico e di verifica finale dell’apprendimento. Un’incombenza per le imprese, tenute a monitorare la data di scadenza dell’abilitazione conseguita dai diversi operatori. Un aiuto potrebbe giungere dall’istituzione di un libretto formativo tenuto presso il datore di lavoro.

APE aziendale: accordo con il lavoratore per la “dote contributiva”
Con l’APE volontaria parte anche l’APE aziendale, uno strumento di possibile utilizzo nei processi di ristrutturazione o di turn over. Per avvalersene il lavoratore deve allegare alla domanda l’accordo raggiunto con il datore di lavoro, che a sua volta è tenuto a versare la “dote contributiva” concordata in un'unica soluzione all’INPS. Per effetto di tale versamento, la pensione netta erogata al lavoratore al momento del pensionamento aumenterà di un importo tale da compensare, in tutto o in parte, il pagamento della rata di ammortamento netta del prestito previdenziale richiesto.

Contributo solidarietà abrogato: possibile recuperare in UniEmens quanto già versato
Con il messaggio n. 772 del 2018, l’INPS spiega come procedere per il recupero in UniEmens del contributo di solidarietà del Fondo pensioni lavoratori dipendenti e del Fondo di previdenza per il personale di volo dipendente da aziende di navigazione aerea.

Professionisti per l’Italia: idee per la crescita del Paese
E’ stato presentato oggi a Roma, nel corso di una conferenza, il manifesto “Idee per la modernizzazione del Paese”, contenente le proposte elaborate dal Comitato Unitario delle Professioni e dalla Rete Professioni Tecniche.

Sgravio pesca: ammessa fruizione sgravio ma in misura ridotta
L’INPS, con il messaggio n. 771 del 2018, sblocca di fatto la fruizione dello sgravio spettante alle aziende che si occupano della pesca costiera e nelle acque interne, indicando le modalità di esposizione in UniEmens e ricordando che la misura dell’agevolazione, per il 2018, è ammessa in misura ridotta.

CIGS editoria: chiarimenti sul calcolo della durata massima
Con la circolare n. 5 del 2018, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali fornisce la corretta interpretazione della disciplina che riguarda i trattamenti di Cigs concessi alle imprese del settore editoria ed affini, con particolare riferimento alle modalità di calcolo del periodo massimo di trattamento fruibile a decorrere dal 2018.

Lavoro a domicilio: quando deve essere considerato orario di lavoro
La corte di Giustizia UE con sentenza del 21 febbraio 2018, nella causa C‑518/15, ha chiarito che le ore di guardia che un lavoratore trascorre al proprio domicilio con l’obbligo di rispondere alle convocazioni del suo datore di lavoro entro 8 minuti, devono essere considerate come “orario di lavoro” poiché tale obbligo, limita le possibilità di svolgere altre attività.

Misure per l'occupazione: riparte Garanzia Giovani, ma con nuove regole
E’ previsto il rifinanziamento del programma Garanzia Giovani, per il rilancio dell’occupazione dei giovani in cerca di impiego, ma con nuove regole e includendo anche tirocini extra curriculari e apprendistato. Presentati anche, dal Ministro Poletti, i dati sull’inserimento lavorativo dei giovani al 31 dicembre 2017.

Confprofessioni: fisco, semplificazione e occupazione giovanile sono le priorità
Unificare le scadenze fiscali per semplificare la vita di contribuenti e professionisti. Elevare a rango costituzionale lo Statuto del contribuente. Una sola procedura amministrativa per l'avvio di nuove attività imprenditoriali. Azzeramento del costo del lavoro per le start up che assumono giovani. Stop alle discriminazioni normative tra imprese e professionisti. Sono alcune delle proposte contenute nel documento “Più crescita ed equità per l'Italia - L'Agenda dei liberi professionisti per la XVIII legislatura” elaborato da Confprofessioni.

Cumulo gratuito per i professionisti: pronta la convenzione INPS/Casse
La querelle sul cumulo gratuito per i liberi professionisti arriva finalmente a conclusione. È stata presentata da INPS e ADEPP la convenzione quadro che disciplina le modalità procedurali per liquidare le pensioni in totalizzazione e in cumulo nel caso in cui il contribuente abbia periodi assicurativi anche presso altri enti. L’INPS sarà l’ente erogatore e le nuove domande potranno essere gestite tramite una piattaforma digitale dedicata.

Occasioni di lavoro su misura


Sbloccato il cumulo per i professionisti


Autoliquidazione INAIL: in scadenza la seconda tranche di adempimenti
Il 28 febbraio è il termine ultimo per inviare la dichiarazione delle retribuzioni per la regolazione del premio assicurativo per l’anno 2017 e gli altri dati relativi all’autoliquidazione del premio. Le imprese che applicano il CCNL edilizia inoltre, entro lo stesso termine, devono inviare l’autocertificazione annuale obbligatoria per fruire del premio “dipendenti”. Infine, deve essere inviato il mod. OT24 da parte delle aziende che intendono fruire dei benefici economici previsti in caso di interventi per il miglioramento delle misure di prevenzione ed igiene. Come adempiere agli obblighi?

Appalti, solidarietà e tutela del lavoratore: una strana storia non ancora conclusa
Dalla riforma Biagi alla legge Fornero e, da ultimo, alla legge n. 49 del 2017: sono questi i passaggi fondamentali della vicenda normativa su appalti e responsabilità solidale dell’appaltante principale e degli altri soggetti della filiera per i crediti relativi all’impiego. Francesco Basenghi anticipa gli argomenti che verranno trattati nel corso della seconda sessione del Forum TuttoLavoro 2018, organizzato da Wolters Kluwer in partnership con Dottrina Per il Lavoro e L’Economia del Corriere della Sera, in programma a Modena il 21 febbraio 2018.

Fondi pensione: dalla COVIP gli indicatori per confrontare i costi
L’indicatore sintetico di costo indica l’incidenza dei costi sostenuti annualmente dall’iscritto sulla propria posizione individuale maturata nella fase di accumulo previdenziale. Per favorire il confronto dell’onerosità delle forme pensionistiche complementari, la COVIP fornisce i valori degli ISC medi, massimi e minimi per le varie tipologie di forme e comparti da utilizzare per la predisposizione del grafico contenuto nella “Scheda dei Costi” della nota informativa per gli aderenti. L’indicatore sintetico di costo viene riportato per differenti periodi di permanenza nella forma previdenziale (2, 5, 10 e 35 anni). Come viene calcolato?

Oggi il IV Forum TuttoLavoro, anche in diretta streaming
“Lavoro 4.0 gestire la flessibilità nel 2018” è il titolo del Forum TuttoLavoro 2018, l’evento annuale atteso dai professionisti del lavoro. Giunto alla IV edizione, il Forum - realizzato da Wolters Kluwer in partnership con Dottrina Per il Lavoro e L’Economia del Corriere della Sera - vede istituzioni ed esperti del settore a confronto sul tema della flessibilità nella gestione del rapporto di lavoro e dell’esternalizzazione del personale. L’evento sarà l’occasione per proporre spunti di riflessione e proposte concrete. Segui dalle ore 9.30 la diretta streaming e partecipa al live su @TwitterIPSOA.

Scopri il programma e iscriviti gratuitamente al Forum TuttoLavoro 2018



Carriera dirigenziale penitenziaria: equiparazione a polizia di stato
Con il messaggio n. 761 del 2018, l’INPS recepisce la disposizione in base alla quale ai dirigenti della polizia penitenziaria si applicano gli stessi istituti giuridici ed economici previsti per la Polizia di Stato.

Impianti audiovisivi e strumenti di controllo: nuove indicazioni operative
L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con la circolare n. 5 del 2018, ha specificato i parametri di valutazione della legittimità delle istanze per l’autorizzazione all’installazione di impianti audiovisivi e altri strumenti di controllo. In particolare l’Ispettorato chiarisce che sono sempre ammessi i dispositivi collegati ad impianti di antifurto a tutela del patrimonio aziendale. Inoltre, il riconoscimento biometrico installato sulle macchine aziendali può essere considerato uno strumento indispensabile a “...rendere la prestazione lavorativa...”.

Impronte digitali fuori controllo


Videosorveglianza da giustificare


Risarcito pure il mobbing soft


Fino a 5mila euro per premiare chi trova il lavoro


Cumulo, serve l'assenso della cassa di previdenza

Text/HTML Riduci
Passa qui con il mouse e quindi clicca sulla toolbar per aggiungere il contenuto
Stampa  

 

CONSULENZA AZIENDALE INTEGRATA DEL LAVORO, FISCALE ACCESSO AL CREDITO E CONTROLLO GESTIONE

 

LA FORMULA DELL'INNOVAZIONE

 

Opportunità
IL CASO DEI TASSI DI INTERESSE NEGATIVI ED IL RISPARMIO FISCALE - mercoledì 12 ottobre 2016

 Articolo pubblicato sul sito www.fiscoetasse.com

Strategie di ottimizzazione fiscale

A tutti è ben noto che nella situazione di mercato attuale, su profili temporali di breve termine i tassi di interesse su alcuni titoli obbligazionari sono negativi ovvero prossimi allo zero.

Tralasciando le implicazioni macroeconomiche ed i riflessi di lungo periodo sui processi di accumulazione del risparmio, possiamo affermare che il calo dei rendimenti ovvero l’appiattimento della curva dei tassi è stato determinato principalmente dagli acquisti massicci della Banca Centrale di titoli di Stato ma anche da valutazioni di strategie di ottimizzazione fiscale.

Sappiamo che il DL 138/2011 come modificato dal DL 66/2014 ha innalzato dal 20 al 26% l’aliquota di tassazione dei redditi di capitale ex art. 44 TUIR e diversi ex art. 67 I comma lettera da c bis a c quinquies del TUIR, salvo lasciare inalterata la tassazione al 12,5% per i titoli di stato ed altre poche eccezioni.

Inoltre, risulta nota la possibilità di compensare le minusvalenze originatesi dalla vendita di azioni, obbligazioni, rimborsi di sicav e SGR con le plusvalenze realizzate, (fatta eccezione quelle derivanti da sicav e SGR), dalla vendita di tali strumenti finanziari.

Il riporto delle minusvalenze, realizzate ed accantonate nel cosiddetto “zainetto fiscale”,  è ammesso  nel limite di 5 anni incluso l’anno di realizzo della stesse.

 maggiori informazioni ...
CONSULENZA MANAGERIALE QUALIFICATA A BASSO COSTO?? ECCO UNA VALIDA GUIDA! - lunedì 19 marzo 2012

 

Un Consulente a basso costo?

La soluzione migliore che proponiamo ai nostri clienti e fidati lettori è l'acquisto di questo piccolo libbricino molto utile e da portare sempre con se.

Un piccolo investimento con un grande ritorno! Il libro , di cui esiste anche una versione italiana edita Rizzoli, presenta 50 utilissimi modelli per affrontare ogni tipo di situazione.

I modelli, compresi i dovuti limiti, semplificano la realtà ovvero ci consentono di comprenderne le dinamiche in pochi istanti ed a prendere in tempi ridotti le dovute decisioni. Potrebbe sembrare banale, ma è stato dimostrato che causa maggiori danni analizzare profondamente un problema e prendere la decisione sbagliata essendo però pienamente convinti della bontà della stessa che prendere una decisione velocemente ma sbagliata, ( fonte: //50topmodels.wordpress.com).

 

 maggiori informazioni ...
PROTEGGERE I RISPARMI DALL'INFLAZIONE E DA EVENTI INASPETTATI - mercoledì 15 giugno 2011

COME PROTEGGERE I PROPRI RISPARMI DALL’INFLAZIONE ED EVITARE DI INCAPPARE  NELL’ENNESIMA CRISI FINANZIARIA E/O DISASTRO AMBIENTALE  CHE AZZERi IL PROPRIO PATRIMONIO

L' Attuale contesto finanziario mondiale è caratterizzato da una estrema volatilità ed incertezza causata dalle recenti crisi finanziarie. Attualmente vi sono dei tassi estremamente risicati sui titoli di stato e societari drogati dalle massicce immissioni di liquidità da parte delle Banche Centrali Mondiali, un mercato azionario impostato al rialzo solo per effetto delle manovre di quantitative easing adottate dalla Fed di Bernake e che dovrebbe terminare il 30 giugno, (Il QE determina sostanzialmente l'acquisto di titoli di stato americani mediante emissione di nuova moneta, gli effetti sul lungo periodo si faranno sentire,  determinando una forte pressione inflazionistica a livello mondiale, già criticata recentemente dalle autorità governative Cinesi, maggiori detentori di assets americani a livello mondiale)

 maggiori informazioni ...
INVESTI SICURO! iNVESTI IN DIAMANTI! - sabato 26 febbraio 2011

INVESTIRE IN DIAMANTI

Come già più volte abbiamo detto in passato, in un periodo di crescente instabilità finanziaria l'investimento in diamanti brillerà sempre di più! I titoli obbligazionari ed azionari possono lasciarti con un cerino spento in mano, ma diamante è per sempre! Rimane lì nella tua cassetta di sicurezza e vale sempre di piu! Pensateci! Per maggiori chiarimenti,  cliccate sul link , registratevi e consultate voi stessi la documentazione ovvero chiamateci per una consulenza del tutto gratuita!

 

 maggiori informazioni ...
Il conto Formazione Aziendale - Risorse per aumentare le professionalità - I fondi Interprofessional - venerdì 31 luglio 2009

Velocità, certezza delle risorse, semplicità di procedure sono le armi vincenti del Conto Formazione

 maggiori informazioni ...
Il ruolo dei Confidi nel facilitare l'accesso al Credito - venerdì 24 luglio 2009

Cosa sono i Condifi, e come possono aiutare le PMI a superare l'attuale fase di stallo nell'accesso al credito?

 maggiori informazioni ...
Fisco, Lavoro e Diritto Societario
Evviva la semplificazione! Le aziende saranno i controllori del Fisco e dell'INPS! - lunedì 19 novembre 2012

Le nuove norme in tema di appalto di servizi

La disposizione, in estrema sintesi, prevede la responsabilita` dell’appaltatore e del committente per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’imposta sul valore aggiunto dovuta dal subappaltatore e dall’appaltatore in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del contratto. La norma esclude tale responsabilita` se l’appaltatore/committente acquisisce la documentazione attestante che i versamenti fiscali, scaduti alla data del pagamento del corrispettivo, sono stati correttamente eseguiti dal subappaltatore/appaltatore, documentazione che, secondo quanto previsto dalla stessa disposizione, puo` consistere anche nella asseverazione rilasciata da CAF o da professionisti abilitati. La disposizione prevede, inoltre, che sia l’appaltatore che il committente possono sospendere il pagamento del corrispettivo dovuto al subappaltatore/appaltatore fino all’esibizione della predetta documentazione.
La predetta normativa non va affatto sottovalutata, se inizialmente si intendeva applicabile al solo settore edilizio, ad oggi si intende applicabile a qualsiasi rapporto commerciale riqualificabile come contratto di appalto.

 
SOCIETA' COMODO E NUOVO REGIME X LE SOCIETA' IN PERDITA - mercoledì 21 settembre 2011

OLTRE AL DANNO LA BEFFA! LE ASSURDITA' DEL SISTEMA FISCALE ITALIANO

Aziende in Perdita? In arrivo aumento delle tasse consistente. E' quanto ha stabilito un emendamento alla manovra finanziaria bis. Nel mirino tutte quelle società che presentano sistematicamente un bilancio in perdita per tre esercizi fiscali, le quali, dal 2012 saranno considerate alla stregua di società di comodo


 maggiori informazioni ...
CHI PAGHERA' IL CONTO DELLA MANOVRA FINANZIARIA? - lunedì 18 luglio 2011

tratto dal sito www.lavoce.info

GLI EFFETTI SPEREQUATIVI DELLA RECENTE MANOVRA FINANZIARIA, INCREDIBILE!

Secondo l' ART. 53 COSTITUZIONE  il sistema tributario deve essere "...informato a criteri di progressività...". Cosa significa? Significa che all'aumentare del reddito del contribuente viene applicata un imposta che aumenta in misura più che proporzionale. E' un principio di solidarietà sociale, laddove i ceti più abbienti sono chiamati a contribuire maggiormente rispetto alle classi meno agiate.

Nella recente manovra finanziaria si prevede, invece, nel concorso alla manovra un taglio generalizzato delle agevolazioni fiscali ( in primis detrazione fiscali per figli a carico, dipendente etc) del 20% dal 2014 in maniera indistinta a meno che non vi sia l'attuazione della legge delega in campo fiscale. Poichè attualmente le detrazioni fiscali vengono applicate in maniera decrescente all'aumentare del reddito, il gioco è fatto! Otteniamo, come si evince dal grafico tratto dal sito www.lavoce.info,  un concorso alla manovra addirittura Regressivo, ovvero i ceti più abbienti CONTRIBUISCONO meno alla manovra! Ecco spiegata le proteste che si sono levate da più parti sociali.

L'attuale formulazione, quindi, sarà di difficile applicazione come evidenziato anche dalle autorevoli analisi apparse sul sito lavoce.info.

Ci auguriamo che per il futuro le manovre non siano concepite in fretta e furia solo per fare cassa, ma siano attentamente ponderate nella qualità delle proposte, nella consistenza e nella coerenza.

 

 
HAI DIMENTICATO DI PAGARE LE IMPOSTE? - venerdì 1 aprile 2011

 ECCO COSA FARE!

Nel panorama tributario attuale, si moltiplicano le imposte e gli adempimenti a cui dobbiamo adempiere quotidianamente.  Si parla da tanto tempo di una riforma fiscale seria ed efficace che semplifichi la vita di noi cittadini nell'espletare i nostri doveri civici. Ancora niente! Si Aspetta! Il ministro Tremonti all'ultimo convegno di Telefisco 2011 ha promesso una semplificazione. All'orizzonte, però, si intravedono nuovi segnali di complicazioni burocratiche, vedi ad esempio il federalismo fiscale.

Può capitare quindi, che nella giungla fiscale, ci si dimentichi di pagare una tassa o registrare un contratto. Un istituto che è stato introdotto nel recente passato e che permette, a differenza del passato, di evitare salatissime sanzioni è l'Istituto del Ravvedimento operoso. Vediamo di cosa si tratta.

 

 maggiori informazioni ...
MANAGEMENT E AMMINISTRAZIONE AZIENDALE
LA REINVENZIONE DEL BUSINESS MODEL PER MANTENERE E/O ACQUISIRE VANTAGGIO COMPETITIVO - venerdì 4 marzo 2011

COSA DEVE FARE UN MANAGER LUNGIMIRANTE PER EVITARE CHE IL BUSINESS MODEL SI APPANTANI E PORTI L'AZIENDA IN UN VICOLO CIECO?

      I giorni scorsi mi trovavo ad un'importante consiglio di amministrazione di un noto gruppo industriale. L'argomento all'ordine del giorno era la chiusura del bilancio di una delle aziende del gruppo e l'analisi dei costi a consuntivo per verificare eventuali inefficienze ed il da farsi per affrontare l'attuale recessione  in maniera vincente.

 

Dopo aver affrontato i vari punti all'ordine del giorno, la conversazione cadde sulla struttura finanziaria delle aziende del gruppo ed in particolare sui tassi applicati dalle banche al finanziamento del circolante. Facevo notare che l'azienda si finanziava in taluni casi al 5%, che in periodo di tassi storicamente al più basso livello degli ultimi dieci anni era molto alto e che alla prossima ripresa dei tassi di interesse l'azienda e l'intero gruppo avrebbe sofferto per una struttura finanziaria squlibrata ed impostata sulla variabilità dei tassi.

 

L'amministratore, di grande esperienza, puntualizzò che il probabile aumento non lo interessava perchè l'impresa si fa giorno per giorno; in effetti, tale affermazione è vera ma solo parzialmente. Gli imprenditori di successo sono stati soprattutto quelli LUNGIMIRANTI che si sono reinventati il business model

 

 maggiori informazioni ...
MORATORIA DEL DEBITO PER LE AZIENDE ATTO SECONDO! - mercoledì 23 febbraio 2011

 

ATTO SECONDO

Firmata la nuova moratoria per le Imprese


 

L'accordo firmato prevede:

1) proroga di sei mesi della Moratoria del credito alle Imprese specificatamente dedicata a chi non ne ha già usufruito.
2) Per le Aziende che hanno già usufruito della moratoria, e che non si trovano in posizione di Incaglio o Procedure concorsuali (in bonis) è possibile avere una ulteriore proroga fino a 3 anni.
3) E' previsto un meccanismo di copertura del rischio di aumento del tasso di interesse.
4) E' mantenuto il meccanismo di erogazione di finanziamento ai fini di patrimonializzazione per le imprese, con la banca che aumenta il finanziamento di un ulteriore multiplo corrispondente.
Lo Studio mantiene aggiornamenti costanti per la propria Clientela.
Attenzione a non rifare l'errore del passato di chiedere la moratoria al di fuori di alcuna strategia finanziaria già concordata, per evitare che vengano poi bloccate tutte le altre pratiche di affidamento.

 
LA TASSA SUI RIFIUTI AUMENTA? ECCO COSA SI PUO' FARE! - lunedì 29 novembre 2010

COME RISPARMIARE UN PO DI SOLDI!

La finanziaria 2010, in attesa dei decreti attuativi e di riforma del federalismo fiscale, ha bloccato l'aumento di tutti i tributi locali, ad eccezione della TARSU; così,  taluni Comuni ne stanno approfittando per aumentare in maniera indiscriminata il costo annuo. Con aumenti dal 25 ad anche il 50%!Nei prossimi giorni verrà pubblicato uno schema generale per effettuare ricorso tributario avverso l'avviso di liquidazione della Tarsu che vi è stata recentemente notificata.

 
UN PIANO OPERATIVO X COMBATTERE LA CRISI!!! - domenica 4 ottobre 2009

Una ricetta operativa per affrontare l'attuale recessione!

 maggiori informazioni ...
SCONTI FISCALI SULLE RICAPITALIZZAZIONI - giovedì 10 settembre 2009

il successo della norma si giocherà sui calcoli di convenienza che verranno effettuati

 maggiori informazioni ...
Il Controllo di Gestione - Utilità per le PMI - mercoledì 22 luglio 2009

Ottimizzazione gestionale

Sembra impossibile che una funzione così importante per la vita aziendale come il Controllo di Gestione, sia spesso poco conosciuto proprio da chi dovrebbe usufruirne a pieno: gli imprenditori. Per questo motivo, grazie a WikiPedia, cerchiamo di "mettere qualche paletto" e definire correttamente il Controllo di Gestione aziendale.

 maggiori informazioni ...
Text/HTML Riduci
Stampa  

Text/HTML Riduci
Passa qui con il mouse e quindi clicca sulla toolbar per aggiungere il contenuto
Stampa  

Text/HTML Riduci
Passa qui con il mouse e quindi clicca sulla toolbar per aggiungere il contenuto
Stampa  

Area riservata ai clienti

Area riservata ai clienti dello studio

Fisco News - IPSOA

Dichiarazioni multiple per le «straordinarie»


Spese sanitarie, più tempo per opporsi alla precompilata


Registro, confermata l’irretroattività


Transfer pricing a tempi serrati


Detrazione Iva al sicuro


Con la p.a. preventivo scritto


Bilanci 2017, corsa a ostacoli


Intrastat, soglie sempre sotto controllo


Annotazione e detrazione IVA: la fine di un incubo?
Gli ultimi interventi di prassi e dottrina non sembrano aver scalfito le perplessità degli operatori, alle prese con un nuovo comportamento da adottare in tema di annotazione delle fatture passive e di imputazione dell’IVA in detrazione. Le ansie degli operatori si incentrano principalmente sul “giusto momento” di imputazione e di corrispondente detrazione dell’IVA e sulla sorte delle note di variazione, in aumento e in diminuzione. Con l’intento di chiarire la portata delle nuove disposizioni, immaginiamo di viaggiare nel futuro e di ritrovarci nel mese di febbraio 2020, quando presumibilmente saranno a regime le norme che riguardano la fatturazione elettronica “allargata” e l’annotazione su un supporto informatico.

La Tunisia nella blacklist UE dei Paesi a rischio riciclaggio
Il Parlamento europeo ha inserito la Tunisia nella black list UE dei Paesi terzi considerati ad alto rischio di riciclaggio di denaro e di finanziamento del terrorismo. Scatta dunque l’obbligo di applicare misure rafforzate di adeguata verifica della clientela quando si tratta con persone fisiche o entità giuridiche che hanno sede in Tunisia. La Commissione UE aveva avanzato la proposta di aggiornamento della lista nera il 13 dicembre 2017, chiedendo di aggiungere all’elenco - oltre al Paese nordafricano - anche lo Sri Lanka e lo Stato caraibico di Trinidad e Tobago.

INTRASTAT: dall’individuazione delle soglie alla periodicità di presentazione
L'Agenzia delle Dogane ha completato il quadro normativo di riferimento in materia di INTRASTAT, riepilogando le nuove modalità di presentazione e compilazione dei modelli INTRA applicabili a decorrere dal 2018. La scelta operata è stata quella di consentire il mantenimento delle procedure sinora utilizzate dagli operatori economici. In particolare, è stato rilevato che, qualora la soglia prevista ai fini statistici venga superata nel corso di un trimestre, il cambio di periodicità decorre dal mese successivo a quello in cui tale soglia è stata superata.

CNDCEC: cinque gruppi di lavoro per adattare la professione al contesto economico
Il CNDCEC ha istituito cinque nuovi gruppi di lavoro per adattare la professione di dottore commercialista all’evoluzione del sistema economico e della PMI. Mady in Italy, Service Economy, Hi Tech, Edilizia e Ambiente, Economia del mare e Logistica: questi i nomi dei nuovi gruppi. Diverse le aree di interesse del gruppo Mady in Italy: economia del tempo libero, agricoltura e agroindustria, automotive e nautica, moda, arredamento, design.

Precompilata: opposizione entro l’8 marzo all’inserimento delle spese sanitarie
I contribuenti possono esercitare entro il prossimo 8 marzo la facoltà di opporsi all’inserimento, nella dichiarazione dei redditi precompilata, delle spese sanitarie sostenute nel 2017. L’opposizione va esercitata tramite l’accesso diretto all’area autenticata del sito web del sistema Tessera Sanitaria (www.sistemats.it). Lo ha messo in evidenza il Ministero dell’Economia e delle Finanze con comunicato stampa del 23 febbraio 2018. I dati delle spese potranno essere consultati online fino all’8 marzo.

Diritto alla detrazione anche in assenza di dichiarazione annuale
Deve essere riconosciuto il diritto alla detrazione in capo al contribuente che abbia rispettato tutti i requisiti sostanziali per ottenerla, indipendentemente dall’assenza dei requisiti meramente formali. Ne consegue che l’assenza della dichairazione annuale non fa venir meno l’esistenza del credito di imposta sorto in tale annualità: lo stesso potrà essere utilizzato dal contribuente, purchè entro il termine previsto per la presentazione della dichairazione relativa al secondo anno successivo a quello in cui il diritto è sorto. Questo il principio contenuto nella sentenza della Cassazione n. 4392, depositata in data 23 febbraio 2018.

Precompilata: più tempo per l’invio delle spese per gli asili
Entro il 28 febbraio devono essere inviati all’Agenzia delle Entrate i dati delle rette degli asili nido, ai fini della dichiarazione dei redditi precompilata. Ma è necessaria una proroga: la chiede l’Associazione dei dottori commercialisti, sottolineando come - in mancanza di un apposito applicativo - i dati dovranno essere inseriti a mano.

Ace, la «newco» non è elusiva


Transfer pricing, criteri su misura


Pagamenti Pa, stretta sui controlli


Con i praticanti Irap dovuta se l’apporto crea valore aggiunto


Sentenza non valida se non è fondata su motivazioni ad hoc


Crediti stralciati, Iva da restituire


Dati asili nido, invii tardivi


Fisco, simulazione pericolosa


Interessi passivi sotto esame


Residenza e cittadinanza fiscale: regimi agevolativi a rischio abuso
L’OCSE ha posto in consultazione pubblica un documento sui possibili profili di abuso di alcuni regimi fiscali agevolativi introdotti da vari Stati membri. In particolare, i regimi che offrono ai cittadini stranieri la residenza (Residence by investment - RBI) o la cittadinanza (Citizenship by Investment - CBI) in cambio di particolari investimenti o di una flat tax per i redditi prodotti all’estero, possono in alcuni casi favorire il riciclaggio di denaro e/o l’evasione fiscale. Tramite tali regimi è possibile raggirare lo standard OCSE del 2014, che prevede l’obbligo per le Amministrazioni finanziarie degli Stati aderenti di scambiarsi automaticamente i dati relativi ai conti detenuti da soggetti non residenti, trasmessi dalle istituzioni finanziarie presenti nel loro territorio.

Riforma fiscale USA: i dubbi della Federal Reserve
Non sono bastate le critiche dei Paesi UE. Le misure fiscali volute da Trump e adottate dal Congresso stanno dividendo la stessa Federal Reserve, punto di riferimento non soltanto per l’economia statunitense, ma per l’intero mercato finanziario globale. L'attesa valutazione economica della FED è stata, in realtà, una tiepida (per qualcuno addirittura fredda) approvazione del principio di “massima priorità” economica con cui l'amministrazione Trump ha fin dal subito avviato l’approvazione della riforma fiscale. Piuttosto, il divario è sul risultato stimato, un abisso quasi: mentre la FED evoca una crescita del 2-2,5%, per Trump il taglio delle tasse, pari complessivamente a circa 1.500 miliardi di dollari, potrebbe quasi raddoppiare la crescita economica fino al 6%.

Semplificazioni INTRASTAT con nuovi chiarimenti
Con la circolare n. 6 del 16 febbraio 2018, Assonime ha illustrato la disciplina degli elenchi riepilogativi degli scambi intracomunitari di beni e servizi alla luce delle semplificazioni applicabili agli elenchi INTRASTAT con periodi di riferimento che decorrono dal 1° gennaio 2018. È il caso, però, di ricordare che l’Agenzia delle Dogane, con successiva nota del 20 febbraio 2018, ha fornito nuove indicazioni. In particolare, l’Agenzia ha chiarito che riguarda tutte le soglie, sia quelle nuove sia quelle già previste, il criterio secondo il quale la verifica in ordine al superamento della soglia deve effettuarsi distintamente per ogni categoria di operazioni e le soglie operano in ogni caso in maniera indipendente.

Falsa fatturazione: quando scattano le garanzie penali nei controlli
Garanzie difensive previste dal codice penale assicurate soltanto dal momento in cui al contribuente può essere ascritto il reato tributario dell’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, al fine di assicurare agli organi di controllo l’utilizzabilità delle prove nel processo penale e, al contempo, di garantire al soggetto controllato che l’operatività non si fondi su congetture o meri sospetti. È quanto ha chiarito la Guardia di Finanza che, in risposta ad alcuni quesiti, ha illustrato alcuni passaggi della monumentale circolare n. 1/2018, il nuovo Manuale operativo dei controlli.

Motivazione per relationem: legittima solo se non costituita dal mero rinvio ad altra pronuncia
La motivazione per relationem è ammissibile purchè non si sostanzi in un mero ed acritico rinvio ad altra pronuncia, senza possibilità quindi di valutare l’iter logico seguito dal giudice che ha portato al suo convincimento. La motivazione deve rimanere dunque comunque “autosufficiente”. Pertanto la sentenza favorevole al fornitore non è idonea da sola ad escludere la consapevolezza del cessionario alla partecipazione alla frode IVA. Questo il principio contenuto nell’ordinanza della Corte di Cassazione n. 4294, depositata in data 22 febbraio 2018.

Non è detraibile l’IVA erroneamente versata a monte
In presenza di una cessione intracomunitaria erroneamente fatturata con IVA, l’acquirente non può detrarre dall’imposta di cui è debitore l’importo dell’IVA assolta. Di conseguenza, l’unico strumento che il soggetto passivo possiede per recuperare l’imposta pagata è agire in giudizio contro l’operatore intermedio che ha qualificato in modo errato la propria cessione. Tale strada, tuttavia, pare eccedere il meccanismo dell’IVA volto a garantire la neutralità dell’imposta. Inoltre, in presenza di una società “apri e chiudi” o di un soggetto incapiente, l’acquirente finale rimarrebbe definitivamente inciso dall’imposta, pur avendo provato la propria buona fede e l’estraneità all’eventuale frode.

Indebita compensazione e infedele dichiarazione con diversa soglia di punibilità
È infondata la questione di legittimità costituzionale sollevata dal Tribunale di Busto Arsizio con riferimento all’art. 10-quater, D.Lgs. n. 74/2000, nel testo anteriore alle modifiche apportate dal D.Lgs. n. 158/2015, che prevede una soglia di punibilità per il reato di indebita compensazione diversa da quella predisposta per la dichiarazione infedele. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale bon sentenza n. 35 del 2018. I giudici riconoscono l’eterogeneità delle due fattispecie criminose per l’oggetto materiale, la condotta tipica e la sfera di tutela.

Omologa del concordato: causa di rettifica della detrazione IVA
L’omologazione definitiva di un concordato che dispone la riduzione delle somme dovute rappresenta una delle cause al ricorrere delle quali è necessario rettificare la detrazione dell’IVA. Infatti, l’omologazione costituisce un mutamento delle condizioni inizialmente assunte dal contribuente per effettuare la detrazione dell’IVA. È questa la conclusione alla quale è giunta la Corte di Giustizia UE con la sentenza relativa alla causa C-396/16, depositata il 22 febbraio 2018.

Un «guantometro» stana-evasori


Compensi distinti per dribblare l’Irap


Compensazioni, non si sgarra


Revoca di condanna estesa alla confisca


Non è detraibile l'Iva indebita


Prezzi di trasferimento chiari


Vendita a catena intra-UE: esente da IVA solo la vendita cui si imputa il trasporto
Nel caso di una vendita a catena intra-UE perfezionatasi con un unico trasporto, del regime di esenzione IVA può beneficiare solo la cessione che soddisfa congiuntamente una serie di condizioni, vale a dire l’attribuzione all’acquirente del potere di disporre del bene come proprietario, e il trasporto (ovvero la spedizione) dei beni fuori dallo Stato membro di cessione. È quanto ha concluso la Corte di Giustizia UE nella sentenza relativa alla causa C-628/16, depositata il 21 febbraio 2018.

Determinazione del valore viziata? La rivalutazione delle quote è revocabile
Se la volontà di perfezionare la rivalutazione del costo o valore d’acquisto delle partecipazioni non quotate ad un certo valore risulta indotta da una perizia alterata da elementi di bilancio rivelatisi successivamente non genuini, allora è possibile considerare revocabile la rivalutazione delle quote, con possibilità di opporsi alla pretesa tributaria del Fisco e di aprire la strada anche al rimborso di quanto eventualmente versato. È una delle questioni affrontate nel corso della diciottesima edizione del PAT - Percorso di Aggiornamento Tributario, organizzato dalla Scuola di Formazione IPSOA di Wolters Kluwer.

Scopri il programma le sedi e le date

Transfer pricing: in arrivo il decreto attuativo
Chiarezza sui prezzi di trasferimento e controlli meno invasivi per le imprese: sono i due capisaldi su cui ruota il decreto del MEF che renderà operativa la disciplina sul transfer pricing di cui all’art. 110, comma 7, TUIR. Inoltre, è pronto uno schema di provvedimento dell’Agenzia delle Entrate che attua l’art. 31-quater del D.P.R. n. 600/1973 in materia di rettifiche corrispondenti a seguito di rettifiche primarie operate da altri Stati in attuazione della propria normativa interna. I documenti sono in pubblica consultazione sul sito del MEF prima di essere definitivamente varati, in modo che gli operatori possano prenderne visione e suggerire eventuali aggiustamenti.

Rottamazione bis: adesione revocabile fino al 15 maggio 2018
Il modello di rottamazione dei ruoli presentato all’Agenzia delle Entrate-Riscossione può essere revocato fino al 15 maggio 2018. Entro lo stesso termine è possibile richiedere la correzione o l’integrazione delle scelte effettuate rispetto al numero delle rate. In caso di omesso o carente versamento della prima o unica rata, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione comunicherà uno scadenzario dei pagamenti che riguardano gli eventuali piani di rateazione pregressi, il cui debito residuo verrà suddiviso per il numero di rate non pagate esistente alla data di presentazione dell’istanza.

Piccole imprese, franchigia IVA senza barriere
Franchigia IVA per le piccole imprese senza confini e nei limiti del fatturato realizzato nell’UE. È una delle proposte avanzate dalla Commissione europea e contenute nella proposta di direttiva COM (2018) 21. La Commissione propone, inoltre, di ammettere al regime speciale anche i non residenti. Infine, in caso di superamento del limite del volume d’affari annuo previsto dallo Stato membro per l’accesso al regime speciale, il soggetto passivo continuerà ad avvalersene, nell’anno corrente, ma solo se l’eccedenza non supera il 50 per cento della soglia.

Torna l’appuntamento con lo spesometro: come fare?
Conto alla rovescia per l’invio dello spesometro, dal 2018 in versione semplificata: entro il 6 aprile deve essere effettuata la comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute nel secondo semestre 2017. Come gestire al meglio l’adempimento? Nel Dossier di IPSOA Quotidiano le novità per l’invio dello spesometro e le prospettive future, con l’introduzione - a decorrere dal 2019 - dell’obbligo generalizzato della fatturazione elettronica.

Il favor rei nei reati tributari rende illegittima anche la confisca dei beni
In occasione di un’abrogazione, anche parziale di una norma incriminatrice, gli esiti di un’impugnazione revocatoria di una pronuncia di condanna investono anche il provvedimento che dispone la confisca. L’eventuale esecuzione della misura afflittiva non è un elemento ostativo, né a livello concettuale, né a livello operativo, poiché è sempre possibile disporre la restituzione dei beni illegittimamente acquisiti. Lo Stato, infatti, non può trattenere i beni senza titolo che è venuto meno a seguito della norma abrogatrice. A precisarlo è la Corte di Cassazione con la sentenza n. 8421 depositata il 21 febbraio 2018.

Occulta i compensi il dentista che consuma guanti monouso in numero sproporzionato
Con l’ordinanza n. 4168, depositata in data 21 febbraio 2018, la Corte di Cassazione ha precisato che il dato relativo all’utilizzo del materiale di consumo da parte di un dentista, costituisce elemento legittimamente utilizzabile per la ricostruzione presuntiva dei ricavi. In base alla logica e alla comune esperienza, è infatti ragionevole ritenere che a determinati consumi corrisponda un certo numero di prestazioni, con possibilità quindi di calcolo dei ricavi presunti.

Modelli INTRA: riepilogo delle novità per compilazione e presentazione
Con la comunicazione 20 febbraio 2018, n. 18558/RU, l'Agenzia delle Dogane ha fornito un riepilogo delle novità che trovano applicazione per gli elenchi INTRA che hanno periodi di riferimento decorrenti dal mese di gennaio 2018. Le novità riguardano sia la compilazione, sia la presentazione degli elenchi.

Desk Brasile: inizia il ciclo di incontri per far conoscere le opportunità di investimento
Inizia il 27 febbraio 2018, presso l’ambasciata brasiliana di Roma, “Desk Brasile”, il ciclo di incontri finalizzato a far conoscere ai commercialisti le opportunità d’investimento in Brasile e le sinergie che possono essere avviate con i colleghi brasiliani. Lo ha reso noto il CNDCEC con comunicato stampa del 20 febbraio 2018. Il ciclo di incontri rientra nel protocollo d’intesa sottoscritto tra il presidente del CNDCEC e il presidente del SESCON-SP per promuovere il processo di internazionalizzazione degli studi professionali e fornire alle aziende clienti forme di assistenza in rete e collaborazione su temi societari, amministrativi e fiscali.

Depositi fiscali: pronto il codice tributo per versare l’IVA
Con risoluzione n. 18/E del 2018, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo 6044 per il versamento, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi” (F24 ELIDE), dell’imposta sul valore aggiunto dovuta per l’immissione in consumo dei prodotti dal deposito fiscale o l’estrazione dal deposito di un destinatario registrato.

Apporti da tassare in misura fissa

Home:Servizi e Utilities:Clienti:Contatti:Blog:Weblog:Photos:Resume:Guestbook
Copyright (c) Global Consulting Studio S.A.S.- P.I. 03568160653 - Agent IDC London Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy