Search  
Text/HTML Riduci

 

Stampa  

Info Lavoro - IPSOA

Infungibilità dei lavoratori se le sedi sono molto distanti


Reddito di cittadinanza, sotto 500 euro oltre metà degli assegni alle famiglie


Agibilità per lavoro autonomo


Post sisma, elenco senza controlli


Riscatto, calcoli in chiaro


Salario minimo: verso una definizione in linea con la Costituzione
Sul tavolo, oggi, vi sono in Parlamento diverse proposte di legge sul tema del salario minimo, accompagnate da accesi dibattiti non privi di elementi di confusione. Ma la proposta presentata, la scorsa settimana, dai membri PD della Commissione Lavoro del Senato segna un ragionevole salto di qualità: conferisce valore di legge ai trattamenti minimi tabellari definiti dai contratti nazionali di ciascuna categoria, con riferimento ai contratti stipulati dai sindacati comparativamente più rappresentativi. Un salario di legge, parallelo, viene proposto, in via residuale, solo per chi non ha ancora un contratto di lavoro. Con questa scelta si riafferma il fatto che è la contrattazione lo strumento attraverso il quale vengono definiti i vari aspetti dei rapporti di lavoro. Una svolta in linea con la nostra Costituzione.

Ridurre l’orario di lavoro per rilanciare l’occupazione: le ipotesi allo studio del Governo
La riduzione dell'orario di lavoro, a parità di salario, potrebbe essere una leva per ridistribuire ricchezza e aumentare l'occupazione. Tra le proposte allo studio del Governo, che potrebbero tradursi in possibili disegni di legge, vi è, in particolare, la possibilità di prevedere un sistema di incentivi per ridurre l’orario di lavoro settimanale per i lavoratori in servizio, pattuendo contemporaneamente l’assunzione di nuove risorse. La compensazione della decurtazione salariale che discende dal taglio dell’orario verrebbe finanziata dalle risorse stanziate per il reddito di cittadinanza.

Bonus NEET 2019: al via il conguaglio mensile e il recupero degli arretrati
Sono state pubblicate, anche per il 2019, le attese istruzioni INPS che sbloccano la possibilità di fruire del bonus NEET gestito dall’ANPAL e prorogato fino al 31 dicembre 2020. Infatti, se da un lato le assunzioni incentivate potevano già essere effettuate dal 1° gennaio 2019, è pur vero che, fino al periodo di paga del mese di marzo, le aziende hanno dovuto versare la contribuzione mensile in misura intera. Dalla denuncia contributiva relativa ad aprile, dunque, sarà possibile avviare la fruizione mensile dello sgravio e recuperare, in una delle prime tre denunce che saranno trasmesse all’INPS, l’arretrato relativo ai precedenti periodi di paga.

Riscatto laurea: simulazione online anche per i dipendenti pubblici
Il sistema di simulazione del calcolo dell’onere da riscatto dei periodi di corsi di studio universitario è ora disponibile anche per gli iscritti alla Gestione pubblica. A renderlo noto è l’INPS, con il messaggio n. 1609 del 2019, fornendo anche alcune indicazioni specifiche riguardo le informazioni da inserire, in quanto indispensabili per il calcolo, e la valenza del conteggio effettuato, in base al metodo retributivo e a quello contributivo.

Fondo solidarietà trasporto aereo: è telematica la comunicazione di inizio attività
L’INPS ha pubblicato il messaggio n. 1615 del 2019, riguardante il Fondo di solidarietà per il settore del trasporto aereo. L’Istituto comunica che, al fine di telematizzare le comunicazioni preventive all’INPS relative a nuova attività lavorativa per i lavoratori del settore aereo o aeroportuale, sono state previste apposite funzionalità. La telematizzazione dell’autocertificazione riguarda anche l’attività lavorativa all’estero del personale dei vettori aerei e dell’autocertificazione di salvaguardia delle certificazioni e abilitazioni aereonautiche al pilotaggio. E’ previsto un periodo transitorio per tutto il mese di maggio 2019.

Certificato di agibilità: INPS chiarisce obblighi ed esoneri
Arrivano dall’INPS alcuni chiarimenti riguardo la modifica degli obblighi posti in capo alle imprese che impiegano lavoratori dello spettacolo con riferimento al certificato di agibilità. L’Istituto, in ossequio alle novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2018, specifica quali sono i nuovi casi di esonero dall’obbligo di richiedere il certificato e quali invece le fattispecie ricorrendo le quali committente e ospitante possono incorrere in sanzione.

Artigiani e commercianti: in arrivo gli avvisi bonari relativi a febbraio 2019
Stanno per giungere gli Avvisi bonari ai contribuenti che non hanno effettuato il pagamento della rata di febbraio dei contributi INPS destinati alla Gestione Artigiani e Commercianti. Tramite le procedure telematiche presenti all’interno del Cassetto previdenziale, sarà possibile comunicare l’eventuale avvenuto pagamento e scaricare l’avviso predisposto dall’Istituto. Il mancato pagamento comporta invece la successiva emissione dell’Avviso di addebito.

Bando ISI Inail imprese: istanze telematiche entro il 30 maggio
Sono 370 i milioni stanziati complessivamente dall’Istituto con la nona edizione dell’iniziativa destinati a finanziare i progetti promossi dalle imprese che operano in ambienti confinati o inquinati e affrontano i rischi chimici, biologici e sismici o quelli derivanti dalle vibrazioni meccaniche, dal rumore e dalle cadute dall’alto. Le relative istanze possono essere presentate esclusivamente.

Pensioni e assegni sociali: richieste in diminuzione in attesa di quota 100
Resta equivalente, a livello territoriale il peso delle pensioni liquidate a residenti nel Nord Italia sostanzialmente analogo: 51% nel 2018 e 53% nel 2019. Lo ha comunicato l’INPS rendendo noto il resoconto dell’Osservatorio di monitoraggio dei flussi di pensionamento per il primo trimestre 2019. Stabile il numero di domande di pensione presentate, mentre si riducono gli assegni sociali erogati.

Dati precariato febbraio 2019: aumentano le trasformazioni a tempo indeterminato
Risultano in netto aumento le trasformazioni di contratti di lavoro a termine in rapporti di lavoro stabili: è questo il dato più evidente che emerge dall’analisi dei dati presentati dall’Osservatorio INPS sul precariato in data 18 aprile 2019. I dati, aggiornati al mese di febbraio 2019, confermano stabili sia le assunzioni che il ricorso ai contratti di lavoro occasionale.

Cassa integrazione: ecco i dati sulle richieste fino a marzo 2019
Si presenta sostanzialmente invariato il numero delle istanze di cassa integrazione, ordinaria e straordinaria, presentato a marzo 2019 rispetto allo stesso mese dello scorso anno. Ad un aumento delle domande di CIG ordinaria, infatti, fa da contrappeso la riduzione dei trattamenti straordinari e soprattutto il quasi azzeramento delle richieste di erogazione della CIG in deroga.

Reddito di cittadinanza, navigator: al via le domande
E’ già possibile inviare per via telematica le istanze per la partecipazione all’avviso pubblico di selezione dei 3.000 navigator che dovranno affiancare i Centri per l’impiego al fine di erogare le politiche attive del lavoro ai soggetti percettori del reddito di cittadinanza. Il termine per la presentazione delle domande scade l’8 maggio 2019 e sarà seguito da una selezione tramite test con domanda a risposta multipla. Nell’avviso anche i termini del contratto che sarà stipulato dall’ANPAL.

Reddito di cittadinanza, navigator: al via le domande
E’ già possibile inviare per via telematica le istanze per la partecipazione all’avviso pubblico di selezione dei 3.000 navigator che dovranno affiancare i Centri per l’impiego al fine di erogare le politiche attive del lavoro ai soggetti percettori del reddito di cittadinanza. Il termine per la presentazione delle domande scade l’8 maggio 2019 e sarà seguito da una selezione tramite test con domanda a risposta multipla. Nell’avviso anche i termini del contratto che sarà stipulato dall’ANPAL.

Cresce il lavoro irregolare


Navigator, scatta l'ora X


Codice disciplinare: è nulla la sanzione se manca l’affissione in azienda
I datori di lavoro devono rendere disponibile la consultazione, da parte dei lavoratori, del codice disciplinare aziendale mediante la sua affissione in luogo accessibile a tutti. In caso di inosservanza di tale regola può essere dischiarata l’illegittimità della sanzione disciplinare irrogata al lavoratore. Il codice disciplinare deve indicare le sanzioni, le relative infrazioni nonchè le procedure di contestazione. Non devono essere necessariament, riportate invece le infrazioni che discendono dalla violazione di norme penali. Quali soluzioni dovrà adottare l’azienda per i telelavoratori e per chi opera in smart working?

Whistleblower: nuovi adempimenti per le imprese dagli standard di protezione UE
Via libera del Parlamento europeo alle norme che assicurano standard minimi di protezione per i whistleblower, i lavoratori che denunciano le irregolarità oi reati di cui siano venuti a conoscenza nell’ambito del rapporto di lavoro nella propria azienda, organizzazione o istituzione. L’obiettivo dell’Europa è di assicurare una protezione legislativa armonizzata fra gli Stati membri. La direttiva UE approvata il 16 aprile 2019 comporta un aggravio per gli adempimenti delle imprese, che dovranno dotarsi di Whistleblowing Policies e organizzare dei canali interni per le segnalazioni dei whistleblower.

Premi INAIL 2019: come applicare le nuove tariffe
Pur restando invariato l’impianto originario basato su 4 gestioni tariffarie da applicare alle aziende assicuranti che appartengono alle gestioni industria, artigianato, terziario e altre attività, le tariffe dei premi INAIL, in vigore per il prossimo triennio 2019/2021, presentano numerose novità. Sono stati, infatti, aggiornati i nomenclatori tariffari con la previsione, ad esempio, delle attività legate alla produzione di nanomateriali e per i rider. Modificate inoltre le voci di rischio e le modalità di applicazione delle tariffe. In buona sostanza, la riforma ha determinato un generalizzato abbassamento dei tassi medi di tariffa per le aziende.

Doppio assegno ai professionisti


Sgravio totale a chi assume Neet


Il premio Inail a rate bypassa le incertezze sul calcolo


Regime forfetario: quali sono le opzioni esercitabili dal sostituto d’imposta?
I datori di lavoro in regime forfetario possono operare da sostituti d’imposta? A rispondere al quesito è l’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 9/E del 2019 che evidenzia le varie opzioni esercitabili. Il datore di lavoro può decidere di operare le ritenute alla fonte. Tale comportamento non costituisce, però, comportamento concludente per la fuoriuscita dal regime forfetario. Inoltre, il datore di lavoro può non operare la ritenuta fiscale, fermi restando tutti gli obblighi contributivi e rilasciando al lavoratore la certificazione unica. Infine, può decidere di operare la ritenuta fiscale e procedere con gli adempimenti ordinari dei sostituti d’imposta analogamente a quanto normalmente svolto da chi non si trova in regime forfettario.

Nuove tariffe INAIL: accesso ai servizi anche per le STP dei commercialisti
Tra pochi giorni anche le società tra professionisti - STP iscritte all’albo dei commercialisti e degli esperti contabili potranno accedere ai servizi telematici INAIL. A seguire, con apposita circolare, verranno illustrate le modalità di profilazione. E’ una delle più importanti novità emerse nel corso della videoconferenza sulle nuove tariffe in vigore per il triennio 2019-2021, trasmessa il 17 aprile 2019 presso la sede del Consiglio Nazionale dei Dottori commercialisti e degli Esperti contabili. Durante l’incontro, i rappresentanti del CNDCEC e gli esperti dell’INAIL hanno fornito spiegazioni sul nuovo tariffario e sull’adeguamento delle tariffe ai cambiamenti del mondo del lavoro, dalle nanotecnologie ai rider.

PMI legno e arredamento: definiti gli aumenti retributivi per il 2019
Le parti sociali, in applicazione di quanto previsto dal CCNL del 18 aprile 2017, si sono incontrate, lo scorso 9 aprile, per definire l’incremento retributivo, a partire dal 1° marzo 2019, per i lavoratori delle PMI del legno, del sughero, del mobile e dell’arredamento, e per le industrie boschive e forestali. Con riferimento, invece, alla disciplina del contratto di lavoro a tempo determinato e di somministrazione occorre rilevare che per la corretta applicazione si deve far riferimento alle norme del vigente CCNL, innovate anche se con pesanti limitazioni dal decreto Dignità. Quali sono le modalità applicative?

Autoliquidazione INAIL 2018/2019: riduzioni, sconti e addizionali dei premi
Calcolare il premio dovuto all’INAIL, di per sé, è un’operazione semplice. Si tratta, infatti, di applicare lo specifico tasso di rischio alla retribuzione imponibile e di determinare il premio per l’anno in chiusura e per l’anno iniziato. Le difficoltà di ordine pratico nascono dalla notevole quantità di sconti e di riduzioni del premio riconosciute in situazioni particolari o all’obbligo di versare addizionali per finanziare apposite gestioni assistenziali. L’insieme di queste particolarità complica il calcolo del premio INAIL. Quali sono gli sconti applicabili? Quali le addizionali da versare? Tabelle di sintesi

Reddito di cittadinanza: c’è l’accordo su Centri per l’impiego e navigator
La Conferenza Stato-Regioni ha raggiunto l’intesa sulle misure attuative del reddito di cittadinanza. In particolare, è stato definito il piano di rafforzamento dei Centri per l’Impiego, che sarà realizzato non soltanto attraverso l’assunzione di nuovi operatori ma anche tramite l’impiego dei cosiddetti navigator. Previsti anche appositi standard di servizio e il riparto di specifiche risorse volte ad ammodernare strutture e infrastrutture.

Flussi di ingresso lavoratori non comunitari: ripartite le quote 2019
Nella circolare n. 9 del 2018, il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali stabilisce l’assegnazione delle quote d’ingresso per lavoro subordinato e autonomo dei soggetti non comunitari, in accordo alla programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari. Contestualmente si prevede l’azzeramento delle quote non impegnate dagli Uffici territoriali entro il 31 maggio 2019.

Bonus Occupazione Neet: sgravio in Uniemens da aprile 2019
Anche per il 2019 è arrivato il via libera dall’INPS alla materiale fruizione del bonus Occupazione Neet prorogato fino al 2020 e già finanziato dall’ANPAL. Con la circolare n. 54 del 2019, l’Istituto fornisce indicazioni operative utili all’esposizione del bonus nella denuncia contributiva mensile, Uniemens, DMAG o ListaPosPA. I datori di lavoro possono recuperare anche lo sgravio spettante per le assunzioni effettuate a partire da gennaio di quest’anno, seguendo le istruzioni dettate dall’INPS entro la denuncia contributiva di competenza del mese di giugno 2019.

TFS statali: legittimo il pagamento a rate
La Corte Costituzionale ha ritenuto non irragionevole il regime restrittivo introdotto dal legislatore, che prevede la liquidazione delle indennità di fine servizio dei dipendenti pubblici nel termine di 24 mesi e il pagamento in rate annuali ma con esclusivo riferimento al caso di una lavoratrice in pensione per ragioni diverse dal raggiungimento dei limiti massimi di età o di servizio.

Trasporto a fune: rinnovo del CCNL, ipotesi di accordo
Per gli addetti agli impianti di trasporto a fune, Anef con Fit-Cisl, Filt-Cgil, Uiltrasporti e Savt Trasporti hanno siglato il 15 aprile 2019 l'ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL. L'accordo decorre dal 1° maggio 2019 e scadrà il 30 aprile 2022. Le Parti scioglieranno la riserva sull'ipotesi di accordo entro il 24 maggio 2019 e, a seguito della sottoscrizione, sarà approvata dagli organi associativi Anef al fine di acquisire efficacia. L’intesa dedica una particolare attenzione alla tutela del lavoratore nei casi di malattia e di infortunio.

TFR e crediti di lavoro aggiornati a marzo 2019
Con riferimento al mese di marzo 2019 è pari a 0,668830 il coefficiente di rivalutazione delle quote di trattamento di fine rapporto accantonate. A seguito del comunicato Istat del 17 aprile 2019, che ha stabilito in 102,5 l'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) (senza tabacchi), sono stati rielaborati i coefficienti validi per il mese di marzo 2019 del trattamento di fine rapporto e dei crediti di lavoro.

Riposi giornalieri per allattamento: quando sono cumulabili con la pausa pranzo
Fornendo riscontro all’istanza di interpello n. 2 del 2019, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali interviene per chiarire il regime di cumulabilità tra i riposi giornalieri spettanti alla lavoratrice madre nel primo anno di vita del bambino e il diritto alla pausa prevista in favore dei lavoratori che svolgono un orario pari a 6 ore al giorno non frazionate.

Associazioni di promozione sociale e attività di culto: nessuna deroga alla disciplina urbanistica
Nella nota n. 3734 del 2019, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali chiarisce che le associazioni di promozione sociale che svolgono periodicamente attività di culto non possono esercitare l’attività in immobili non a norma con la regolamentazione urbanistica. Il parere del dicastero arriva alla luce della pronuncia emessa dal Consiglio di Stato, con la quale è stato chiarito che l’associazione di promozione sociale non può insediare un luogo di culto non occasionale o precario in aree e territori comunali non vocati definendo tale condotta “urbanisticamente scorretta”.

Reddito e pensioni di cittadinanza: accolte tre domande su quattro
Arriva dall’INPS la notizia che circa il 75% delle istanze presentate per l’erogazione di Pensione e Reddito di cittadinanza sono state accolte. Già dal 17 aprile 2019 l’Istituto comincerà ad inviare ai beneficiari gli sms di conferma dell’accoglimento della domanda. Il restante 25% si divide tra istanze rigettate e domande sospese in attesa di ulteriore attività istruttoria.

Pensione anticipata: INPS chiarisce decorrenza e requisiti contributivi
Nel messaggio n. 1551 del 2019, l’INPS specifica le modalità di determinazione delle finestre di decorrenza e in quali casi è possibile cumulare i periodi di lavoro. Nel documento di prassi l’Istituto conferma inoltre la computabilità della contribuzione accreditata in corrispondenza dei periodi di fruizione della Naspi. Si tratta di una serie di riscontri che l’INPS fornisce ai numerosi quesiti pervenuti dopo l’entrata in vigore delle misure Quota 100, Opzione donna e pensione anticipata per lavoratori precoci ad opera del Decreto collegato alla Legge di bilancio 2019.

Occasionali con nuove tutele Ue


Attività di culto fuori dal terzo settore


Le Casse private potranno investire il 5% dei rendimenti in Welfare


Whistleblowing: direttiva UE accresce le tutele
È stata approvata dal Parlamento europeo il 16 aprile 2019 la legge che tutela i lavoratori che segnalano le violazioni del diritto comunitario e introduce delle salvaguardie, per evitare ritorsioni da parte degli enti o aziende datori di lavoro. Le tutele si estendono anche a coloro che assistono gli informatori, come i facilitatori, i colleghi e i parenti. I Paesi UE hanno due anni di tempo per adeguare alle nuove disposizioni la normativa nazionale.

Qualifiche professionali comuni


Reddito di cittadinanza, lavoro irregolare e caporalato: al via le ispezioni
Sono 147.445 le ispezioni programmate nel 2019 dall’Ispettorato nazionale del lavoro. Di queste 94.180 riguarderanno la vigilanza sulla gestione del rapporto di lavoro, che coinvolgerà poco più del 2% del totale delle aziende presenti sul territorio italiano. E’ quanto emerge dal documento di programmazione dell’attività di vigilanza INL per il 2019. Le ispezioni si concentreranno su lavoro nero e caporalato, sul contratto di lavoro a tempo determinato e di somministrazione. Previsti, inoltre, specifici controlli sull’erogazione del reddito di cittadinanza e sull’attivazione dei percorsi di accompagnamento all’inserimento lavorativo e all’inclusione sociale.

Imprese edili: operativa la nuova disciplina dell’apprendistato
Via libera alla nuova disciplina dell’apprendistato per i dipendenti delle imprese edili industriali e cooperative. E’ quanto prevede l’accordo del 4 aprile 2019 applicabile ai contratti stipulati dal 1° aprile 2019. Il numero complessivo di apprendisti che l’azienda può assumere, direttamente o indirettamente per il tramite delle agenzie di somministrazione autorizzate, non può superare il rapporto di 3 a 2 rispetto alle maestranze specializzate e qualificate in servizio presso il medesimo datore di lavoro. Orario di lavoro, ferie e permessi nonché il trattamento economico e normativo durante la malattia, l’infortunio e la malattia professionale seguono le regole previste per gli altri lavoratori del settore.

DDL concretezza: impronte digitali contro l’assenteismo nel pubblico impiego
Approvato alla Camera il disegno di legge Concretezza volto ad introdurre, per la rilevazione della presenza, sistemi di verifica biometrica (come le impronte digitali) dell’identità dei dipendenti pubblici, dirigenti inclusi e di videosorveglianza degli accessi sui luoghi di lavoro. L’obiettivo del legislatore è di prevenire l’assenteismo e di garantire il buon andamento, l’imparzialità e la trasparenza della pubblica amministrazione. Per la piena attuazione delle norme sarà necessario attendere un apposito decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, da adottare previo parere del Garante della privacy. Quali sono le categorie di pubblici dipendenti esclusi dall’applicazione della nuova disciplina?

Uniemens: da maggio 2019 nuovi codici contratto e altre variazioni
Con il messaggio n. 1552 del 2019, l’INPS comunica l’introduzione di nuovi codici contratto, utili alla compilazione del flusso di denuncia contributiva Uniemens, nonché la dismissione di quelli non più in uso e la variazione di alcuni codici al fine di adeguarli alla denominazione contrattuale corrente. Tutte le modifiche entreranno in vigore dal periodo di paga maggio 2019.

Gig economy: nuovi diritti dal Parlamento europeo
E’ stata approvata dal Parlamento europeo un testo di legge che prevede nuovi diritti per i lavoratori della Gig economy. Le misure dovranno essere adottate dai paesi UE entro i prossimi tre anni. Il relatore Enrique Calvet Chambon ha definito il provvedimento un primo grande passo verso l'attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali, al fine di prevenire qualunque abuso della flessibilità del mercato del lavoro".
Text/HTML Riduci

Stampa  

Banners Riduci
Stampa  

 

CONSULENZA AZIENDALE INTEGRATA DEL LAVORO, FISCALE ACCESSO AL CREDITO E CONTROLLO GESTIONE

 

LA FORMULA DELL'INNOVAZIONE

 

Opportunità
IL CASO DEI TASSI DI INTERESSE NEGATIVI ED IL RISPARMIO FISCALE - mercoledì 12 ottobre 2016

 Articolo pubblicato sul sito www.fiscoetasse.com

Strategie di ottimizzazione fiscale

A tutti è ben noto che nella situazione di mercato attuale, su profili temporali di breve termine i tassi di interesse su alcuni titoli obbligazionari sono negativi ovvero prossimi allo zero.

Tralasciando le implicazioni macroeconomiche ed i riflessi di lungo periodo sui processi di accumulazione del risparmio, possiamo affermare che il calo dei rendimenti ovvero l’appiattimento della curva dei tassi è stato determinato principalmente dagli acquisti massicci della Banca Centrale di titoli di Stato ma anche da valutazioni di strategie di ottimizzazione fiscale.

Sappiamo che il DL 138/2011 come modificato dal DL 66/2014 ha innalzato dal 20 al 26% l’aliquota di tassazione dei redditi di capitale ex art. 44 TUIR e diversi ex art. 67 I comma lettera da c bis a c quinquies del TUIR, salvo lasciare inalterata la tassazione al 12,5% per i titoli di stato ed altre poche eccezioni.

Inoltre, risulta nota la possibilità di compensare le minusvalenze originatesi dalla vendita di azioni, obbligazioni, rimborsi di sicav e SGR con le plusvalenze realizzate, (fatta eccezione quelle derivanti da sicav e SGR), dalla vendita di tali strumenti finanziari.

Il riporto delle minusvalenze, realizzate ed accantonate nel cosiddetto “zainetto fiscale”,  è ammesso  nel limite di 5 anni incluso l’anno di realizzo della stesse.

 maggiori informazioni ...
CONSULENZA MANAGERIALE QUALIFICATA A BASSO COSTO?? ECCO UNA VALIDA GUIDA! - lunedì 19 marzo 2012

 

Un Consulente a basso costo?

La soluzione migliore che proponiamo ai nostri clienti e fidati lettori è l'acquisto di questo piccolo libbricino molto utile e da portare sempre con se.

Un piccolo investimento con un grande ritorno! Il libro , di cui esiste anche una versione italiana edita Rizzoli, presenta 50 utilissimi modelli per affrontare ogni tipo di situazione.

I modelli, compresi i dovuti limiti, semplificano la realtà ovvero ci consentono di comprenderne le dinamiche in pochi istanti ed a prendere in tempi ridotti le dovute decisioni. Potrebbe sembrare banale, ma è stato dimostrato che causa maggiori danni analizzare profondamente un problema e prendere la decisione sbagliata essendo però pienamente convinti della bontà della stessa che prendere una decisione velocemente ma sbagliata, ( fonte: //50topmodels.wordpress.com).

 

 maggiori informazioni ...
PROTEGGERE I RISPARMI DALL'INFLAZIONE E DA EVENTI INASPETTATI - mercoledì 15 giugno 2011

COME PROTEGGERE I PROPRI RISPARMI DALL’INFLAZIONE ED EVITARE DI INCAPPARE  NELL’ENNESIMA CRISI FINANZIARIA E/O DISASTRO AMBIENTALE  CHE AZZERi IL PROPRIO PATRIMONIO

L' Attuale contesto finanziario mondiale è caratterizzato da una estrema volatilità ed incertezza causata dalle recenti crisi finanziarie. Attualmente vi sono dei tassi estremamente risicati sui titoli di stato e societari drogati dalle massicce immissioni di liquidità da parte delle Banche Centrali Mondiali, un mercato azionario impostato al rialzo solo per effetto delle manovre di quantitative easing adottate dalla Fed di Bernake e che dovrebbe terminare il 30 giugno, (Il QE determina sostanzialmente l'acquisto di titoli di stato americani mediante emissione di nuova moneta, gli effetti sul lungo periodo si faranno sentire,  determinando una forte pressione inflazionistica a livello mondiale, già criticata recentemente dalle autorità governative Cinesi, maggiori detentori di assets americani a livello mondiale)

 maggiori informazioni ...
Il conto Formazione Aziendale - Risorse per aumentare le professionalità - I fondi Interprofessional - venerdì 31 luglio 2009

Velocità, certezza delle risorse, semplicità di procedure sono le armi vincenti del Conto Formazione

 maggiori informazioni ...
Il ruolo dei Confidi nel facilitare l'accesso al Credito - venerdì 24 luglio 2009

Cosa sono i Condifi, e come possono aiutare le PMI a superare l'attuale fase di stallo nell'accesso al credito?

 maggiori informazioni ...
Fisco, Lavoro e Diritto Societario
Evviva la semplificazione! Le aziende saranno i controllori del Fisco e dell'INPS! - lunedì 19 novembre 2012

Le nuove norme in tema di appalto di servizi

La disposizione, in estrema sintesi, prevede la responsabilita` dell’appaltatore e del committente per il versamento all’Erario delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e dell’imposta sul valore aggiunto dovuta dal subappaltatore e dall’appaltatore in relazione alle prestazioni effettuate nell’ambito del contratto. La norma esclude tale responsabilita` se l’appaltatore/committente acquisisce la documentazione attestante che i versamenti fiscali, scaduti alla data del pagamento del corrispettivo, sono stati correttamente eseguiti dal subappaltatore/appaltatore, documentazione che, secondo quanto previsto dalla stessa disposizione, puo` consistere anche nella asseverazione rilasciata da CAF o da professionisti abilitati. La disposizione prevede, inoltre, che sia l’appaltatore che il committente possono sospendere il pagamento del corrispettivo dovuto al subappaltatore/appaltatore fino all’esibizione della predetta documentazione.
La predetta normativa non va affatto sottovalutata, se inizialmente si intendeva applicabile al solo settore edilizio, ad oggi si intende applicabile a qualsiasi rapporto commerciale riqualificabile come contratto di appalto.

 
SOCIETA' COMODO E NUOVO REGIME X LE SOCIETA' IN PERDITA - mercoledì 21 settembre 2011

OLTRE AL DANNO LA BEFFA! LE ASSURDITA' DEL SISTEMA FISCALE ITALIANO

Aziende in Perdita? In arrivo aumento delle tasse consistente. E' quanto ha stabilito un emendamento alla manovra finanziaria bis. Nel mirino tutte quelle società che presentano sistematicamente un bilancio in perdita per tre esercizi fiscali, le quali, dal 2012 saranno considerate alla stregua di società di comodo


 maggiori informazioni ...
CHI PAGHERA' IL CONTO DELLA MANOVRA FINANZIARIA? - lunedì 18 luglio 2011

tratto dal sito www.lavoce.info

GLI EFFETTI SPEREQUATIVI DELLA RECENTE MANOVRA FINANZIARIA, INCREDIBILE!

Secondo l' ART. 53 COSTITUZIONE  il sistema tributario deve essere "...informato a criteri di progressività...". Cosa significa? Significa che all'aumentare del reddito del contribuente viene applicata un imposta che aumenta in misura più che proporzionale. E' un principio di solidarietà sociale, laddove i ceti più abbienti sono chiamati a contribuire maggiormente rispetto alle classi meno agiate.

Nella recente manovra finanziaria si prevede, invece, nel concorso alla manovra un taglio generalizzato delle agevolazioni fiscali ( in primis detrazione fiscali per figli a carico, dipendente etc) del 20% dal 2014 in maniera indistinta a meno che non vi sia l'attuazione della legge delega in campo fiscale. Poichè attualmente le detrazioni fiscali vengono applicate in maniera decrescente all'aumentare del reddito, il gioco è fatto! Otteniamo, come si evince dal grafico tratto dal sito www.lavoce.info,  un concorso alla manovra addirittura Regressivo, ovvero i ceti più abbienti CONTRIBUISCONO meno alla manovra! Ecco spiegata le proteste che si sono levate da più parti sociali.

L'attuale formulazione, quindi, sarà di difficile applicazione come evidenziato anche dalle autorevoli analisi apparse sul sito lavoce.info.

Ci auguriamo che per il futuro le manovre non siano concepite in fretta e furia solo per fare cassa, ma siano attentamente ponderate nella qualità delle proposte, nella consistenza e nella coerenza.

 

 
HAI DIMENTICATO DI PAGARE LE IMPOSTE? - venerdì 1 aprile 2011

 ECCO COSA FARE!

Nel panorama tributario attuale, si moltiplicano le imposte e gli adempimenti a cui dobbiamo adempiere quotidianamente.  Si parla da tanto tempo di una riforma fiscale seria ed efficace che semplifichi la vita di noi cittadini nell'espletare i nostri doveri civici. Ancora niente! Si Aspetta! Il ministro Tremonti all'ultimo convegno di Telefisco 2011 ha promesso una semplificazione. All'orizzonte, però, si intravedono nuovi segnali di complicazioni burocratiche, vedi ad esempio il federalismo fiscale.

Può capitare quindi, che nella giungla fiscale, ci si dimentichi di pagare una tassa o registrare un contratto. Un istituto che è stato introdotto nel recente passato e che permette, a differenza del passato, di evitare salatissime sanzioni è l'Istituto del Ravvedimento operoso. Vediamo di cosa si tratta.

 

 maggiori informazioni ...
MANAGEMENT E AMMINISTRAZIONE AZIENDALE
LA REINVENZIONE DEL BUSINESS MODEL PER MANTENERE E/O ACQUISIRE VANTAGGIO COMPETITIVO - venerdì 4 marzo 2011

COSA DEVE FARE UN MANAGER LUNGIMIRANTE PER EVITARE CHE IL BUSINESS MODEL SI APPANTANI E PORTI L'AZIENDA IN UN VICOLO CIECO?

      I giorni scorsi mi trovavo ad un'importante consiglio di amministrazione di un noto gruppo industriale. L'argomento all'ordine del giorno era la chiusura del bilancio di una delle aziende del gruppo e l'analisi dei costi a consuntivo per verificare eventuali inefficienze ed il da farsi per affrontare l'attuale recessione  in maniera vincente.

 

Dopo aver affrontato i vari punti all'ordine del giorno, la conversazione cadde sulla struttura finanziaria delle aziende del gruppo ed in particolare sui tassi applicati dalle banche al finanziamento del circolante. Facevo notare che l'azienda si finanziava in taluni casi al 5%, che in periodo di tassi storicamente al più basso livello degli ultimi dieci anni era molto alto e che alla prossima ripresa dei tassi di interesse l'azienda e l'intero gruppo avrebbe sofferto per una struttura finanziaria squlibrata ed impostata sulla variabilità dei tassi.

 

L'amministratore, di grande esperienza, puntualizzò che il probabile aumento non lo interessava perchè l'impresa si fa giorno per giorno; in effetti, tale affermazione è vera ma solo parzialmente. Gli imprenditori di successo sono stati soprattutto quelli LUNGIMIRANTI che si sono reinventati il business model

 

 maggiori informazioni ...
LA TASSA SUI RIFIUTI AUMENTA? ECCO COSA SI PUO' FARE! - lunedì 29 novembre 2010

COME RISPARMIARE UN PO DI SOLDI!

La finanziaria 2010, in attesa dei decreti attuativi e di riforma del federalismo fiscale, ha bloccato l'aumento di tutti i tributi locali, ad eccezione della TARSU; così,  taluni Comuni ne stanno approfittando per aumentare in maniera indiscriminata il costo annuo. Con aumenti dal 25 ad anche il 50%!Nei prossimi giorni verrà pubblicato uno schema generale per effettuare ricorso tributario avverso l'avviso di liquidazione della Tarsu che vi è stata recentemente notificata.

 
UN PIANO OPERATIVO X COMBATTERE LA CRISI!!! - domenica 4 ottobre 2009

Una ricetta operativa per affrontare l'attuale recessione!

 maggiori informazioni ...
Il Controllo di Gestione - Utilità per le PMI - mercoledì 22 luglio 2009

Ottimizzazione gestionale

Sembra impossibile che una funzione così importante per la vita aziendale come il Controllo di Gestione, sia spesso poco conosciuto proprio da chi dovrebbe usufruirne a pieno: gli imprenditori. Per questo motivo, grazie a WikiPedia, cerchiamo di "mettere qualche paletto" e definire correttamente il Controllo di Gestione aziendale.

 maggiori informazioni ...

Area riservata ai clienti

Area riservata ai clienti dello studio

Fisco News - IPSOA

Segnalazioni escluse dalla sanatoria Pvc


Notifica privata, rinvio alle Sezioni unite


Operazioni inesistenti, la lite si chiude con il 40%


Entrate e Figc, scambio dati sui conti dei club


Accesso al forfettario vietato anche per gli amministratori di Srl


Imu, l'ufficio non fissa il valore dell'area


Sentenze discordi, no sanzioni


Ora la sanatoria sulle fonti rinnovabili esce dal Dl crescita


Credito cedibile al fornitore


Flat tax ad assetto variabile, il nodo IVA e il “fantasma” della crescita
L’intendimento del Governo è ridurre gradualmente la pressione fiscale su famiglie e imprese. In questo disegno, alla flat tax sui redditi viene assegnato un ruolo centrale nella creazione di un clima più favorevole alla crescita, ma non viene spiegato il meccanismo che lo consentirebbe, né l’effetto quantitativo ipotizzato. Le esigenze di copertura indurrebbero ad aumentare da subito l’IVA, rinunciando alla clausola di salvaguardia. In alternativa occorrerebbe procedere ad una severa revisione del sistema delle tax expenditures, con effetti equivalenti difficilmente realizzabili. Si pone, quindi, il dilemma: flat tax o IVA? Oppure ancora: flat tax o taglio delle tax expenditures? In questo puzzle dovrebbero guadagnarci i ceti medi, ma non è detto. E sullo sfondo resta sempre il problema delle diseguaglianze e dell’equità fiscale.

Esterometro al debutto entro il 30 aprile
Dopo la proroga delle scadenze del 28 febbraio e del 31 marzo, si avvicina il primo appuntamento per l’esterometro. Con il 30 aprile scade il termine per l’invio dei dati relativi alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate con soggetti non residenti: devono essere trasmessi sia gli esterometri riferiti ai mesi di gennaio e febbraio, sia quello di marzo. A soccorrere contribuenti e operatori impegnati nella gestione del nuovo adempimento sono arrivati i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate e, da ultimo, quelli di Assonime.

Consolati e ambasciate: quale regime fiscale per il reddito dei dipendenti?
Con la risposta all’interrogazione n. 5-01715 del 2019 sono stati forniti chiarimenti sul trattamento fiscale da applicare agli emolumenti percepiti da impiegati e funzionari di ambasciate e consolati di Stati esteri presenti in Italia. L’interrogazione trae origine dall’attività di controllo esercitata dall’Agenzia delle Entrate. A fronte dell’ipotizzata esenzione di tali redditi, prevista in sede convenzionale, l’Agenzia ha adottato un approccio restrittivo, fondato su una differente ricostruzione sistematica, di cui peraltro appare arduo comprendere i criteri con riguardo, in particolare, all’ambito soggettivo dei contribuenti che sono stati oggetto di controllo. Con il rischio di incorrere in un possibile contenzioso, nel caso in cui l’Ufficio riprenda a tassazione emolumenti che potrebbero, invece, ricadere nell’ambito applicativo delle deroghe convenzionali.

Progetto E-DAS: prende il via dal 20 maggio la sperimentazione
Il progetto “e-DAS”, quale servizio per la digitalizzazione del Documento di Accompagnamento Semplificato è stato sviluppato per contrastare l’evasione fiscale, prevenire i fenomeni fraudolenti, rendere più efficace la lotta all’illegalità nel settore dei prodotti energetici e potenziare i controlli dei relativi obblighi fiscali. Lo ha reso noto l’Agenzia delle Dogane che ha specificato come la nuova applicazione è disponibile in ambiente di addestramento/validazione dal 20 maggio 2019 per un congruo periodo al fine di consentire la sperimentazione dell’impatto derivante dalla sua attuazione sulla platea degli operatori.

Agenzia delle Entrate - FIGC: al via la nuova collaborazione
La FIGC dovrà fornire all’Agenzia delle Entrate, entro due giorni dalla firma del nuovo protocollo d’intesa, l’elenco delle società sportive professionistiche, con denominazione sociale e codice fiscale o partita Iva. Lo ha dichiarato l’Agenzia delle Entrate con il comunicato stampa con cui ha reso noto la nuova collaborazione per la stagione sportiva 2019/2020 tra Entrate e Figc tesa a verificare gli adempimenti tributari dei club, con riferimento ai pagamenti Iva 2018, alle dichiarazioni per il periodo d’imposta chiuso al 31 dicembre 2017 e ai versamenti Ires, Irap, Iva e delle ritenute Irpef sui redditi di lavoro dipendente risultanti dalle dichiarazioni dello stesso periodo.

La modalità di cessione del credito corrispondente alla detrazione per riqualificazione energetica
Se il credito d’imposta corrispondente alla detrazione spettante per gli interventi di riqualificazione energetica è ceduto direttamente al fornitore che ha effettuato gli interventi sull’unità immobiliare, la fattura emessa dallo stesso deve comprendere anche l’importo relativo alla detrazione ceduta sotto forma di credito d’imposta. Lo ha reso noto l’Agenzia delle Entrate con il nuovo provvedimento con cui ha specificato che il credito d’imposta cedibile da parte dei soggetti beneficiari della detrazione è determinato sulla base dell’intera spesa sostenuta nel periodo d’imposta, tenendo conto anche della parte di spesa sostenuta mediante cessione del credito al fornitore.

Sanzione tributarie amministrative e pace fiscale: i chiarimenti dell’Agenzia
Le sanzioni tributarie amministrative, rapportate all’ammontare delle spese o altri componenti negativi relativi a beni o servizi non effettivamente scambiati o prestati indicati nella dichiarazione dei redditi, ai fini della definizione agevolata delle controversie tributarie, non si possono considerare collegate ai tributi. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate che ha specificato come in tal caso queste violazioni non possono neppure beneficiare della definizione agevolata per irregolarità formali, non trattandosi di violazione che arreca esclusivamente pregiudizio all'esercizio delle azioni di controllo.

Società a partecipazione non finanziaria: i criteri per la definizione
Per la definizione delle società a partecipazione finanziaria tra gli elementi dell’attivo rilevanti ai fini della prevalenza non devono essere comprese le attività derivanti da rapporti commerciali con le società partecipate quali crediti derivanti da canoni di locazione immobiliare, royalties per utilizzo brevetti e marchi, crediti per imposte verso le partecipate derivanti dall’adesione al consolidato fiscale. Lo ha reso noto il Governo con la risposta a interrogazione n. 5-01951 del 17 aprile 2019, con cui ha specificato i criteri riguardanti la definizione delle società a partecipazione non finanziaria.

Dichiarazioni integrative “a favore”: valutate in base alla normativa vigente alla presentazione
Le dichiarazioni integrative a favore del contribuente presentate prima del 24 ottobre 2016 devono essere valutate sulla base della normativa vigente alla data di presentazione. Lo ha chiarito il Governo con la risposta all’interrogazione n. 5-01955 con cui ha evidenziato come la nuova normativa secondo cui le dichiarazioni fiscali integrative a favore possono essere presentate entro il termine di decadenza dell’accertamento ha efficacia irretroattiva, in quanto è norma avente natura sostanziale. Così come chiarito dalla Suprema Corte di Cassazione nella sentenza n. 1291 del 18 gennaio 2019.

La definizione agevolata “integrale” del pvc non ricompre le segnalazioni
La definizione agevolata “integrale” dei contenuti del processo verbale non riguarda i fatti o le circostanze che rientrano nelle cosiddette “segnalazioni” al competente ufficio dell’Agenzia dell’Entrate, che saranno oggetto di necessari approfondimenti e di eventuali ulteriori attività istruttorie. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 112 del 19 aprile 2019, con cui ha specificato come, infatti, non risulta definibile ogni altro elemento contenuto nel processo verbale, diverso dalle violazioni constatate in maniera compiuta e puntuale.

Ecotassa anche per veicoli già immatricolati in altro Stato
L’ecotassa, l’imposta sull’acquisto e l’immatricolazione in Italia di autovetture con elevate emissioni di CO2, è dovuta anche da chi immatricola un veicolo di categoria M1 già immatricolato in un altro Stato. Lo ha chiarito il Governo con la risposta all’interrogazione n. 5-01952 del 17 aprile 2019, che ha evidenziato come rilevi anche l’acquisto del veicolo nuovo effettuato all’estero purché acquisto e immatricolazione avvengano nell’arco temporale individuato dalla disposizione di riferimento. L’imposta è parametrata al numero di grammi di biossido di carbonio emessi per chilometro eccedenti la soglia di 160 CO2 g/km.

Patent Box senza marchi per evitare censure
I marchi d’impresa devono essere tenuti fuori dal patent box, dato che questi beni intangibili non sono frutto di ricerca e sviluppo e si potrebbero prestare maggiormente a pratiche elusive di delocalizzazione dei redditi ad essi riferiti dai Paesi dove sono stati generati verso altri Paesi con fiscalità agevolata. Per tale ragione l’Italia si è adeguata alle linee guida OCSE. Lo ha chiarito il Governo con la risposta a interrogazione n. 5-01949. La mancata attuazione dello standard minimo sul regime patent box avrebbe comportato una censura del nostro regime pubblicamente.

e-fatture: da acquisire ex novo la delega conferita prima del 21 dicembre 2018
A seguito delle indicazioni del Garante per la protezione dei dati personali, da maggio 2019 consultazione e il download delle e-fatture all’interno del portale Fatture e Corrispettivi saranno possibili solo se l’utente o l’intermediario specificamente delegato aderiranno a un nuovo servizio di “consultazione”. Le deleghe conferite agli intermediari in un momento antecedente alla data del 21 dicembre 2018 non consentiranno agli intermediari di effettuare - per conto dei propri clienti - l’adesione al servizio di consultazione e acquisizione delle fatture elettroniche o dei loro duplicati informatici. Pertanto, è necessario che gli intermediari, delegati al servizio di consultazione delle fatture elettroniche prima del 21 dicembre 2018, acquisiscano nuovamente la delega al servizio di consultazione.

Successioni e registrazione dei contratti di locazione anche con gli Istituti di patronato
Anche gli Istituti di patronato e di assistenza sociale sono abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni di successione telematica e domanda di volture catastali. È quanto ha stabilito l’Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 99344 del 18 aprile 2019. Gli stessi soggetti vengono inoltre ammessi allo svolgimento del servizio di registrazione telematica dei contratti di locazione e del versamento delle relative imposte.

Autoriciclaggio per bonifici all’estero


Procedura web e smartphone per l’invio dei corrispettivi


Rapporti commerciali fuori dal calcolo della prevalenza


Il bonus casa resta in vita senza comunicazione all’Enea


Omessi versamenti, decidono i giudici della sede di verifica


Formazione esente dall’Iva se con doppio requisito


Esterometro, per i non residenti l’esclusione è condizionata


Immobili storici, no a benefici se strumentali


Lega-M5s, sì al Def Stop all’Iva ma i conti non si toccano


Rimborsi, solo dal 2015 la sospensione è ampia


Fuori dalle gare chi evade le tasse


No tax area, out arretrati


False fatture, soglie penali ko


Royalty, aliquota al 5%


Il brogliaccio è indizio di nero


Corrispettivi, web o telefonino


e-fattura: quali sono gli errori più frequenti e come evitarli
Quali sono le anomalie più frequenti rilevate dal Sistema di Interscambio in fase di invio delle fatture elettroniche? E come evitarle, in modo da contrarre i tempi di ricezione da parte dei clienti? I tempi di elaborazione dei file da parte del SdI, ad oggi, variano da 1 a 5 giorni lavorativi (possono arrivare a 7 o più giorni di calendario). In caso di scarto, il mittente ha 5 giorni per correggere e reinoltrare la fattura, che dovrà, quindi, subire una nuova elaborazione, con la probabilità di essere nuovamente scartata, e così via. È, pertanto, comprensibile come inviare, fin dall’origine, file formalmente corretti consenta di contrarre ai minimi indispensabili i tempi di ricezione delle fatture da parte dei destinatari.

Scadenze di fine aprile: rischio corto circuito fiscale
Per molti contribuenti e, ancor di più, per i professionisti che si occupano di fisco, la giornata del 30 aprile 2019 rischia di diventare una data da bollino rosso. Infatti, complici anche le proroghe di alcuni adempimenti, il calendario fiscale si presenta impegnativo, annoverando, tra gli altri appuntamenti, l’invio dello spesometro, dell’esterometro e della dichiarazione IVA. Se a ciò si aggiungono anche le scadenze relative ad alcune definizioni agevolate contenute nel pacchetto Pace fiscale, il quadro assume davvero “tinte fosche”.

Da semplificato a forfetario: non servono comunicazioni o opzioni
Il contribuente che, nell’anno 2018, era in regime semplificato perché non presentava i requisiti richiesti per l’applicazione del regime forfetario, può applicarlo dal 2019, essendo venute meno le cause di esclusione. A tal fine, non occorre alcuna comunicazione preventiva o successiva, e non è necessario esercitare una specifica opzione. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 9/E/2019, analizzando i casi di applicazione e di disapplicazione del regime forfetario. In particolare, in ipotesi di disapplicazione per legge, la circolare precisa che - a differenza di quanto previsto per il regime fiscale di vantaggio - non è contemplata la cessazione del regime in corso d’anno.

Ristrutturazione edilizia: la mancata comunicazione all’ENEA non comporta la revoca della detrazione
La mancata trasmissione per via telematica all'ENEA delle informazioni sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio, per il monitoraggio e la valutazione del risparmio energetico conseguito non determina la revoca dalla detrazione. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 46/E del 2019. L’adempimento è richiesto al fine di monitorare e valutare il risparmio energetico conseguito. La trasmissione delle informazioni, pertanto, non riguarda tutti gli interventi ammessi alla detrazione in commento, ma solo gli interventi edilizi e tecnologici che comportano risparmio energetico e/o utilizzo delle fonti rinnovabili.

Quota di ammortamento del bene strumentale: si deduce anche negli anni in cui non è utilizzato
La quota di ammortamento di un bene strumentale è deducibile anche in relazione a quelle annualità per le quali il bene non viene utilizzato. A tale conclusione si arriva sia applicando le regole civilistiche di redazione del bilancio, valevoli in linea generale anche in ambito fiscale, sia il principio di inerenza, il quale fa riferimento alla relazione tra costo ed attività d’impresa capace di produrre reddito anche solo potenzialmente. Questi i principi enunciati dalla Corte di Cassazione con l’ordinanza n. 10902, depositata il 18 aprile 2019 a proposito della deducibilità delle quote di ammortamento di un bene sottoposto a sequestro giudiziario e pertanto non utilizzato per alcuni anni.

Credito sisma+ecobonus: cessione ammissibile se c’è un collegamento con l’intervento
La cessione del credito corrispondente alla detrazione sisma+ecobonus è ammissibile allorquando i soggetti presentano un collegamento con l’intervento e, dunque, con il rapporto che ha dato origine alla detrazione valutato sia con riferimento alla cessione originaria che a quella successiva. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 109 del 2019. Il collegamento per la cessione del credito sussiste anche per i soci lavoratori di un’impresa edile sub-appaltatrice dei lavori.

Chiusura liti fiscali pendenti: conta la situazione al 24 ottobre 2018
Il momento rilevante al fine di individuare l’importo dovuto per la definizione agevolata delle controversie tributarie coincide con il 24 ottobre 2018, data di entrata in vigore del D.L. n. 119/2018. Lo ha ribadito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 110 del 2019. Nel caso in cui si sia verificata la doppia soccombenza dell’Agenzia delle Entrate in primo e in secondo grado e la Suprema Corte abbia emesso pronuncia di cassazione con rinvio sul ricorso proposto dall’Agenzia delle Entrate, il contribuente può definire la controversia con il pagamento del 15% del relativo valore.

Corrispettivi giornalieri: memorizzazione e trasmissione anche con procedura web
La memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri può essere effettuata anche utilizzando una procedura web messa gratuitamente a disposizione dei contribuenti in area riservata del sito web dell’Agenzia delle Entrate e accessibile anche da dispositivi mobili. Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate con provvedimento del 18 aprile 2019. L’Agenzia adegua il contenuto del provvedimento del 28 ottobre 2016 alla trasformazione - da opzionale in obbligatoria - dell’adozione del processo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri da parte dei soggetti passivi IVA.

Fattura elettronica appalti pubblici: al via le nuove regole tecniche CIUS
Le fatture elettroniche che non rispettano le restrizioni definite nella Core Invoice Usage Specification CIUS sono oggetto di scarto e, pertanto, si considerano come non emesse. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con il provvedimento n. 99370 del 18 aprile 2019 con cui ha stabilito le regole tecniche per la fatturazione elettronica negli appalti pubblici. L’obbligo di ricezione ed elaborazione delle fatture elettroniche conformi allo standard europeo sulla fatturazione elettronica negli appalti pubblici ha preso avvio dal 18 aprile 2019.

Dichiarazione fraudolenta con soglie di punibilità differenziate
Il delitto di dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti può essere assoggettato a soglie di punibilità diverse da quelle contemplate in rapporto al delitto di dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici. Secondo la Corte Costituzionale infatti, non si verificherebbe una disparità di trattamento, in quanto si tratta di fattispecie eterogenee e, dunque, non utilmente comparabili al fine di farne discendere una violazione del principio di eguaglianza. Il confronto tra fattispecie normative, finalizzato a verificare la ragionevolezza delle scelte legislative, presuppone, necessariamente l’omogeneità delle ipotesi in comparazione.

E-fattura, stop alle deleghe via Pec dal 31 maggio

Home:Servizi e Utilities:Clienti:Contatti:Blog:Weblog:Photos:Resume:Guestbook
Copyright (c) Global Consulting Studio S.A.S.- P.I. 03568160653 - Agent IDC London Condizioni d'Uso Dichiarazione per la Privacy